Maroccolo e Chimenti cantano "l'altra" musica

Taranto
dal 1 marzo 2018 al 15 marzo 2018 alle ore 13:50

I due artisti fanno tappa al TaTà con il loro mini tour "L'era dell'ippopotamo bianco"

Maroccolo e Chimenti cantano "l'altra" musica
n.c. © n.c.

Con “L’era dell’ippopotamo bianco - Parole e note fuori dallo stagno della musica” il bassista Gianni Maroccolo (nella foto a sinistra), il cantautore Andrea Chimenti (nella foto a destra) e Marco Olivotto giovedì, 15 marzo, fanno tappa al TaTà, l’auditorium in via Grazia Deledda, al quartiere Tamburi.
Quella di Taranto è una delle quattro date scelte dai due artisti per il loro mini tour. Un tour che porta in scena la musica italiana, ma quella d’autore.
Dopo l’era del cinghiale bianco cantata da Franco Battiato, Maroccolo e Chimenti cantano quella dell’ippopotamo: un animale che ama rivoltarsi beatamente nel fango. Fuor di metafora, il fango è l’acqua stagnante della cultura contemporanea, in cui sembrano smorzarsi impeti e idee.
Gianni Maroccolo e Andrea Chimenti sono personalità storiche del rock italiano che da sempre hanno evitato mode e tendenze.
Negli ultimi due anni, Chimenti ha prestato la sua straordinaria voce alla versione live dell’album “vdb23 / nulla è andato perso”, realizzato nel 2013 da Gianni Maroccolo, con Claudio Rocchi. I due artisti e amici si ritrovano in forma inedita assieme su un palco per dichiararsi “non-ippopotami”, in una serata basata su parole e note: parole (stimolate e organizzate da Marco Olivotto) per narrare un segmento irripetibile di storia della musica degli ultimi trent’anni; note per lasciare che la musica stessa si snodi attraverso alcuni brani “a sorpresa” che verranno eseguiti dal vivo in forma intima e principalmente acustica.
I brani sono tratti dal repertorio dei progetti storici di Maroccolo e Chimenti, (Litfiba, CSI, PGR, progetti solisti), senza uno schema preciso e con qualche incursione in repertori altrui.
Gianni e Andrea dialogheranno tra loro e con il pubblico, in un momento di verità e condivisione dello spirito di un’epoca artistica che ancora non accenna a tramontare e conserva immutato il fascino degli esordi.
Maroccolo inizia la sua carriera come bassista dei Litfiba, gruppo di cui è stato membro fondatore, coautore delle musiche e spesso responsabile degli arrangiamenti. Durante la sua carriera ha collaborato come musicista, session man o produttore a numerose pietre miliari della musica italiana degli ultimi 30 anni. Andrea Chimenti inizia il suo percorso musicale nel 1983 con i Moda, con i quali realizza tre album: “Bandiera”, “Canto Pagano” e “Senza Rumore” (prodotti da IRA). Quando nel 1989 i Moda si sciolgono, Chimenti inizia la carriera solista: nel 1992 realizza il suo primo album “La maschera del Corvo Nero”, insieme a Gianni Maroccolo e Francesco Magnelli.
Ticket: euro 12. A breve info su punti prevendita. Posti limitati (circa 300 posti non numerati.

Altri Eventi
Al cinemaVedi tutti