Social

Taranto - martedì 10 gennaio 2017 Cronaca

Prossima udienza il 3 aprile

Omicidio Axo, affidata la perizia

Nominato dal gup il dottor Carbotti

Il luogo dell'omicidio Axo © Tbs
di La Redazione

Omicidio di Giuseppe Axo: affidato l’incarico per la perizia psichiatrica. Sarà il dottor Gimmy Carbotti ad eseguirla su Antonio Bruno, ritenuto l’autore materiale del delitto. Prossima udienza il 3 aprile.

In programma anche l’audizione del medico legale che ha eseguito l’autopsia, il dottor Vinci. Com’è noto il processo sarà celebrato con il rito abbreviato. Il gup, dottor Pompeo Carriere, nella scorsa udienza ha accolto la richiesta avanzata dall’avvocato Maria Letizia Serra, difensore dei presunti autori del delitto, i fratelli Antonio e Francesco Bruno. Il rito alternativo è però condizionato alla perizia psichiatrica su Antonio Bruno e all’audizione del medico legale che ha eseguito l’autopsia. I fratelli Antonio e Francesco Bruno dopo l’omicidio avvenuto a febbraio scorso sono stati arrestati dalla polizia in un cantiere edile, a Taranto 2.

Axo sarebbe stato ucciso per vendetta dopo un litigio avvenuto con i Bruno alcuni giorni prima dell’omicidio. Una lite furibonda, alla quale sarebbe da far risalire la frattura del setto nasale e dello zigomo riportate da uno dei fratelli. Ma le ostilità tra Axo e i fratelli Bruno sarebbero forse da ricercare in un lontano passato. Addirittura la ruggine potrebbe risalire a dieci anni prima, in discoteca, quando ci sarebbe stato un altro scambio di vedute piuttosto aspro. A febbraio una vera e propria esecuzione, attuata con una mitraglietta Scorpion, fatta ritrovare in un cespuglio nei pressi di un cavalcavia in via Ancona. Prossima udienza, quindi, il 3 aprile del 2017

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo