Social

Taranto - martedì 10 gennaio 2017 Cronaca

Il fatto

Un falso documento su Facebook crea scompiglio: ma domani si torna in classe

La conferma ufficiale sul sito del Comune di Taranto

Il falso documento sulla chiusura delle scuole a Taranto © Tbs
di La Redazione

La situazione climatica è già molto complicata. Ma ora si mettono anche i burloni a rendere tutto più caotico.

Nel pomeriggio di oggi sulle bacheche dei social network e attraverso i gruppi whatsapp di molti tarantini è circolato un documento con tanto di logo del Comune di Taranto ed addirittura di firma del Sindaco. Un documento che annunciava la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado a Taranto anche per la giornata di domani, mercoledì 11 gennaio, per effetto di una nuova emergenza idrica (per il gelo si sarebbero bloccate le condotte dell'Aqp).

Ovviamente la cosa ha creato più di qualche allarme, soprattutto tra i genitori degli alunni, che avrebbero dovuto scompaginare tutta la propria organizzazione familiare visto il procrastinarsi della chiusura delle scuole. 

Ma questo documento, è bene ribadirlo, era assolutamente falso: domani si va regolarmente a scuola.

Nel tardo pomeriggio la conferma appare anche sul sito del Comune di Taranto: «Si informa che sui social è stato reso pubblico un testo di ordinanza, a firma del Sindaco dott. Ippazio Stefàno, che prevederebbe la chiusura delle scuole anche per il giorno 11p.v. Tale notizia è infondata, pertanto si avvisa la cittadinanza che domani 11 gennaio le scuole di ogni ordine e grado riprenderanno il regolare svolgimento delle attività didattiche».

Quindi, domani, la campanella di ingresso risuonerà in tutte le scuole tarantine dopo la lunga pausa natalizia ed il supplemento neve di questi giorni.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo