Passaggio di collare

Rotary, cambio al vertice

Il neo presidente Girolamo Catapano Minotti subentra a Massimo Basile

Cronaca
Taranto martedì 18 luglio 2017
di La Redazione
Il passaggio di consegne © n.c.

TARANTO - Cambio di consegne al vertice del Rotary club di Taranto: il neo presidente Girolamo Catapano Minotti è subentrato al presidente uscente Massimo Basile che ha retto l’associazione di servizio nello scorso anno sociale. A sancire il passaggio di cariche, nel giardino della masseria Ciura in campagna di Massafra, il simbolico scambio di distintivo e di collare con le targhette dei nomi di tutti i presidenti che si sono succeduti nell’arco degli oltre settanta anni di vita dell’istituzione tarantina.
Prima di cedere il martelletto al suo successore, il dott. Basile ha voluto ricordare brevemente le attività di servizio e le conferenze svolte nell’appena trascorso anno rotariano, gli ingressi di nuovi soci, i viaggi associativi, un bilancio generale, insomma, di un intero anno di progettualità.
Fondamentale grazie alla collaborazione dei soci componenti il Consiglio Direttivo, ha ricordato Basile, è stata la ripresa della stampa del notiziario associativo, la rinascita del sito web che da alcuni anni era in abbandono e i consueti services, le attività di servizio che connotano le iniziative di beneficienza del club.
Il notiziario è stato pubblicato con cadenza trimestrale senza gravare sulle casse associative ma solo grazie al sostegno degli sponsor inserzionisti, ricco di articoli e foto a raccontare le attività svolte nel periodo.
Nel corso dell’anno sono entrati nel club ben cinque nuovi soci, tre giovanissimi, due dei quali provenienti dal Rotaract, i giovani rotariani, le cui qualità personali sono di primissimo piano.
«L’anno è stato per me molto intenso e impegnativo – ha dichiarato ancora il dott. Basile - ma con momenti veramente esaltanti, grazie alla collaborazione di tutti i soci. Ho avuto modo di approfondire la conoscenza di persone veramente meravigliose».
Il sito racchiude tutte le informazioni relative al Rotary internazionale e alla sede tarantina, le foto delle serate dell’anno e la cronaca di alcuni eventi di rilievo.
Su richiesta del Governatore distrettuale è stato organizzato il primo Seminario Distrettuale dell’anno in collaborazione con il Rotary Magna Grecia, club gemello cittadino con il quale c’è stata collaborazione continua per tutto l’anno.
Al fine di arricchire la conoscenza di argomenti e situazioni degni di nota, le conversazioni convivali hanno visto relatori prestigiosi che hanno presentato argomenti attuali ed interessanti, come il prof. Ernesto Capobianco, il prof. Matteo Pizzigallo, il generale del Nas dei Carabinieri Claudio Vincelli, l’ing. Renato Urban, il chirurgo prof. Franco Gaboardi, il Generale dei Carabinieri Giovanni Cataldo, l’ing. Prof. Remo Bedini.
Somme di beneficienza sono state devolute all’Ente Morale Paolo VI e al gruppo di volontariato vincenziano San Cataldo, mentre la lotteria della festa degli auguri è servita per finanziare l’Ant. Durante il premio “Giuseppe Spartera” sono stati consegnati attestati e buoni per acquisto di libri a ragazzi delle scuole medie e superiori, mentre due borse di studio sono state consegnate a due neolaureati ingegneri dell’Ateneo tarantino con tesi in materia ambientale del territorio. Il service di maggiore impatto dell’anno e più emozionante è stato quello in favore di Mattia, uno sfortunato adolescente che l’estate scorsa in seguito ad un tuffo sbagliato in mare ha subito la frattura di una vertebra che lo fatto diventare tetraplegico. Alla famiglia, con la collaborazione dell’Interclub cittadino, è stato donato un pulmino con piattaforma per il trasporto della carrozzina. Un altro service importante è stato la donazione di un monitor per il controllo delle funzioni vitali all’ospedale pediatrico creato dal chirurgo Pietro Abruzzese in Somalia.
Per l’affiatamento fra i soci e per rinsaldare i vincoli di amicizia sono stati organizzati la tradizionale festa dell’estate, colazioni sociali e poi sono stati effettuati due viaggi culturali, uno a Napoli con visita della città esoterica e sotterranea e uno a Sorrento, agli scavi di Pompei e alla Reggia di Caserta.
Infine ringraziamenti per tutti e scambio di doni con i componenti del Consiglio Direttivo uscente, la segretaria Monica Lapenna, il prefetto Alessandro Fattori, la tesoriera Emma Basile, il vice presidente e presidente entrante Girolamo Catapano Minotti, i consiglieri Pietro Relleva, Augusto Giusti, Mario Tagarelli, Leo Pellè, Paolo Domenico Solito, il past president Renato Frascolla, e con i soci che si sono particolarmente distinti per la promozione e l’affiatamento del club. Omaggi speciali per il loro operato sono stati attribuiti ai soci Pino Scarlino, Luigi Perrone, Gianfranco Tonti, Gianni Rotondo, al segretario operativo Roberto Di Corrado e al rappresentante del Governatore, il prof. Carlo Dell’Aquila.
L’augurio di fare del proprio meglio per contribuire alla crescita e al rinnovamento del Rotary in linea con i cambiamenti epocali che si verificano quotidianamente nella nostra società è stato espresso dal dott. Girolamo Catapano Minotti all’esordio della sua presidenza «Il Rotary che mi piacerebbe lasciare fra un anno, al termine di questo incarico che mi accingo ad onorare, è un club sobrio, semplice ma al tempo stesso concreto, vicino alla città e alla società, impegnato a produrre qualcosa di visibile che permetta di valorizzarlo nella sua essenza. Il momento è difficile un po’ per tutte le forme di associazionismo, per la difficoltà di cooptare nuovi soci soprattutto fra i giovani. Indubbiamente la crisi economica crea paura nel relazionarsi, favorendo la diffidenza nei confronti di istituzioni classiche come il nostro club. Inoltre assistiamo ad un epocale cambiamento dei modelli valoriali classici per cui l’amicizia come è intesa dal Rotary rischia di apparire fuori tempo e ormai fuori luogo. Quest’anno tenteremo di fare, di produrre qualcosa di concreto per il territorio». Ad aprile sarà a Taranto il presidente internazionale del Rotary per celebrare l’anno dell’ambiente con una sensibilità particolare per la critica situazione d’inquinamento della città, e quella sarà una importante occasione per realizzare e contribuire a far nascere progetti utili per il territorio, anche auspicando la collaborazione con gli altri club e le altre istituzioni, in una sorta di rete che possa favorire la crescita delle idee e l’affermarsi di progetti costruiti insieme.
Il vice presidente Monica Lapenna, il presidente uscente Massimo Basile, il presidente eletto Andrea Tortora, il segretario Paolo Domenico Solito, il prefetto Donato Serafini Ripa, il tesoriere Ninni Tacente, il club trainer Renato Frascolla, l’addetto stampa Gianni Rotondo, i consiglieri Pietro Relleva, Emanuele Di Palma, Pino Scarlino, Emma Basile affiancheranno il presidente Catapano Minotti nel direttivo dell’anno sociale che si avvia ad iniziare.

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette