Sanità

​Vaccini, obbligo per medici e infermieri​

La richiesta di Francesca Franzoso, consigliere regionale di Forza Italia

Politica
Taranto sabato 13 gennaio 2018
di La Redazione
Vaccini
Vaccini © Tbs

«L’importanza dell’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari può essere compreso oggi più che mai con l’emblematico caso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce che, nei giorni scorsi, ha dovuto richiamare in servizio una parte del personale a riposo per sopperire alla assenza per malattia di medici e infermieri».

Lo dichiara Francesca Franzoso, consigliere regionale di Forza Italia, prima firmataria della proposta di legge regionale “Disposizioni” per l’esecuzione degli obblighi di vaccinazione degli operatori sanitari”, già incardinato in terza commissione. «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi perché, oltre a rappresentare una categoria lavorativa con un ruolo strategico, sono ad alto rischio di contrarre il virus influenzale. In questa fase di epidemia l’elevato numero di ricoveri può facilmente comportare la trasmissione della malattia anche agli operatori sanitari che a loro volta diventano “fonti” di infezione per i pazienti ed i loro stessi familiari.

Alcuni studi, rilanciati dall’ Oms, hanno messo a confronto l’incidenza dell’influenza in adulti sani rispetto agli operatori sanitari e in questi ultimi l’incidenza è risultata significativamente più alta. Per ovviare a questo problema l’Oms raccomanda fortemente la somministrazione del vaccino influenzale, per gli operatori sanitari. Insomma, la vaccinazione del personale sanitario risponde all’esigenza di proteggere gli operatori ma anche di assicurare la copertura assistenziale ai malati. E’ per questo che è necessario dare un’accelerata all’iter di approvazione della legge: per dimostrarci una Regione che, dopo il provvedimento statale dell’obbligo vaccinale dei minori, aggiunge un passaggio addizionale, ossia tutelare la salute del suo personale sanitario e garantire l’efficienza del servizio».

Lascia il tuo commento
commenti