Talsano non fa drammi

Calcio
Taranto mercoledì 14 febbraio 2018
di La Redazione
Talsano non fa drammi
Talsano non fa drammi © Foto tratta da Fb

Una sconfitta che non fa male in casa Talsano. Il 4-1 di San Donato contro il Salento Football Leverano non ha lasciato drammi nel team biancoverde e lo stesso presidente Giuseppe Frascella spiega i perchè di questo black out: ”In tre minuti eravamo già sotto di due reti e non ci siamo stati sin dall’inizio. Avevamo cinque elementi alle prese con l’influenza e questo ci ha molto penalizzati, anche se l’avversario non lo scopro certo io e sapevo che era difficile uscire indenni da questo campo. Ora resettiamo il tutto e pensiamo alla prossima gara contro il Copertino in casa che sarà fondamentale per risalire in chiave permanenza diretta. Avremo Amodio squalificato ma rientreranno tutti gli altri e quindi riavremo l’organico quasi al completo. Siamo ancora in attesa di questa benedetta tribunetta, dovevano consegnarcela ad inizio mese. Spero che si sistemi quanto prima questo problema”.
La sconfitta di Maglie ha invece lasciato strascichi polemici a Massafra ed il tecnico Giovanni Iacobellis ha puntato il dito contro la direzione arbitrale, apparsa nella ripresa a senso unico con una rete annullata ed una espulsione che lasciano rabbia. “Purtroppo da troppe settimane stiamo pagando il dazio di direzioni di gara non all’altezza, anche se nel primo tempo la situazione in quest’ottica sembrava all’esatto opposto ed in modo equo. Sull’1-0 per noi è stata annullata a Turi una rete regolarissima che avrebbe chiuso la partita, poi i salentini (stessi colori sociali) hanno avuto un rigore a favore molto dubbio con annessa espulsione di Carbone per fallo da ultimo uomo con cui hanno pareggiato. Quindi hanno siglato il 2-1 con un tocco di mani apparso nettissimo ed evidenziato anche dai filmati, questo a conferma di come ultimamente giochiamo in undici contro dodici”. Il direttore generale Giuseppe Difino critica anch’egli l’arbitraggio ma bacchetta anche l’operato della squadra, apparsa troppo intimorita nel finale.
“Sicuramente non è bello avere continuamente gli arbitri contro ed è una costante che si sta ripetendo da troppo tempo. Restano nove partite e dobbiamo fare quanti più punti possibili, le altre stanno anche rallentando e la zona playout è ancora centrabile. Ma dico anche che i ragazzi devono sapersi scuotere. Sull’1-1 sono sembrati già rassegnati e senza mordente.

Lascia il tuo commento
commenti