x

x

F1: presidente Fia, ‘insulti online sono diventati una piaga per il nostro sport’

Monaco di Baviera, 8 nov. (Adnkronos) – Il livello di insulti online ha raggiunto il “punto di crisi” e mette in pericolo il motorsport dopo che una steward femminile di Formula 1 ha ricevuto minacce di morte di recente, come ha affermato il presidente dell’organo di governo Fia, Mohammed Ben Sulayem che ha dichiarato su motorsport.com che “gli abusi online sono diventati una piaga per il nostro sport. Il livello di tossicità sostenuta ha raggiunto il punto di crisi. È tempo che tutti noi ci uniamo e agiamo”. Il presidente della Fia ha detto che lo steward Silvia Bellot è stato preso di mira sui social media e che anche altro personale della Fia è stato oggetto di molestie online e incitamento all’odio in passato.

La Bellot ha ricevuto minacce di morte dopo che lei e altri steward avevano imposto una penalità al pilota dell’Alpine Fernando Alonso per aver guidato un’auto non sicura nel Gran Premio degli Stati Uniti il ​​mese scorso. La sanzione è stata poi annullata in appello e Alonso stesso ha condannato l’abuso diretto contro la Bellot. “È totalmente inaccettabile che i nostri volontari, funzionari e dipendenti siano soggetti a questo abuso estremo. Non ha posto nel nostro sport. Ha un effetto devastante sulla nostra salute mentale e su quella dei nostri cari”, ha detto Ben Sulayem.

“Senza queste persone non ci sarebbero le corse. Dobbiamo chiederci, chi vorrebbe continuare a diventare un alto funzionario in questo ambiente? La realtà è ovvia: se continua così, distruggerà il nostro sport”. La Fia intensificherà ulteriormente la sua campagna contro gli abusi online in vari modi, compresi i colloqui con le società di social media, e ha chiesto uno sforzo congiunto di tutte le parti interessate. “Le passioni sono alte nello sport, ma le molestie online, gli abusi e l’incitamento all’odio non devono essere tollerati”, ha affermato. “Tutti nel nostro sport, dai media, dai team, dai piloti e dai tifosi, hanno un ruolo da svolgere. Non possiamo ignorarlo. Esorto l’intero ecosistema del motorsport a prendere posizione. Dobbiamo denunciarlo. Deve fermarsi”.