x

x

Ferrovie: Gruppo fs, ‘Rfi lancia due gare per oltre 677 mln in Lombardia’

Milano, 28 dic. (Adnkronos) – Rete ferroviaria italiana (gruppo Fs Italiane) ha pubblicato in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea due gare per oltre 677 milioni di euro totali per i lavori di raddoppio della linea Codogno-Cremona-Mantova e per il quadruplicamento della linea Milano Rogoredo-Pavia, tratta Milano Rogoredo-Pieve Emanuele con velocizzazione della linea storica Milano-Pavia. Lo si legge in una nota.

I bandi si aggiungono a quelli appena pubblicati, sempre in Lombardia e la realizzazione dei lavori per la prima fase del raddoppio Ponte San Pietro-Bergamo-Montello e per il potenziamento dello scalo di Brescia, dal valore di 135 milioni di euro.

La gara per la progettazione e la realizzazione dei lavori per il quadruplicamento della linea Milano Rogoredo-Pavia, tratta Milano Rogoredo-Pieve Emanuele e velocizzazione della linea convenzionale Milano-Pavia ha un valore di 203 milioni di euro, finanziati anche con i fondi del Pnrr. L’intervento consiste nella realizzazione di una nuova coppia di binari, per circa 11 chilometri e interventi di velocizzazione anche di quelli attuali. Inoltre, verrà attivata la nuova stazione di Pieve Emanuele, realizzate nuove fermate e una nuova sottostazione elettrica, adeguati i marciapiedi della fermata Villamaggiore e delle opere esistenti. Il progetto permetterà di incrementare il numero di treni sulla linea, sia merci che passeggeri, e di potenziare il servizio regionale/suburbano. Per il completamento dell’opera è stata nominata come commissaria straordinaria di governo Vera Fiorani, amministratrice delegata e direttrice generale di Rfi.

La gara per il raddoppio della linea Codogno-Cremona-Mantova ha un valore di 474 milioni di euro, finanziati anche con fondi Pnrr e per il suo completamento è stata nominata la commissaria straordinaria di governo Chiara De Gregorio, direttrice investimenti Centro di Rfi.

La prima fase di lavori prevede il raddoppio della tratta Piadena-Mantova, per un’estensione complessiva di circa 34 chilometri, grazie alla realizzazione di una nuova sede a doppio binario in variante tra Piadena e Bozzolo e in stretto affiancamento al binario esistente nella restante parte.

Il progetto, anche grazie all’eliminazione dei passaggi a livello pubblici e privati, consentirà la riduzione dei tempi di percorrenza tra Milano e Mantova, creando le condizioni per una maggiore regolarità frequenza.