x

x

Notte di fuoco a Castellana Grotte, foto e video

Una notte di fuoco. Ma soprattutto di emozioni. E’ così da 324 anni. Ininterrottamente.

Sono stati tanti i tarantini, anche quest’anno, lo scorso 11 gennaio, a partecipare alle “Fanove” di Castellana Grotte: ben 61 falò hanno infiammato la notte negli angoli del centro storico, del centro abitato e nelle campagne del territorio della città delle grotte.

Tutto è cominciato l’11 gennaio del 1691, quando la popolazione locale cominciava ad essere decimata dalla peste bubbonica.  Due sacerdoti, mentre pregavano incessantemente Dio e la Vergine nella notte tra l’11 e il 12 gennaio, ebbero simultaneamente un’ispirazione: la Madonna della Vetrana avrebbe liberato Castellana dalla peste. Cosa che avvenne puntualmente all’indomani.

L’evento prodigioso fu attribuito all’olio della lampada votiva che ardeva davanti all’immagine sacra della Vergine. Per evitare la ripartenza del contagio, si dette fuoco a tutto ciò che era stato in contatto con il morbo. E nacquero le Fanove di Castellana Grotte.

Nelle straordinarie foto di Carmine La Fratta, racchiuse anche in un breve video allegato, alcuni istanti della festa dello scorso 11 gennaio.