x

17 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 16 Maggio 2022 alle 06:22:23

L'avvocato

Alcol test, multe e le cause di invalidità del verbale

foto di Alcol test, multe e le cause di invalidità del verbale
Alcol test, multe e le cause di invalidità del verbale

I l verbale di contravvenzione elevato a seguito di accertamenti condotti tramite etilometro è sempre valido? A questa domanda ha, nei giorni scorsi, risposto la Corte di Cassazione, ribadendo un principio dalla stessa sancito già da qualche anno e, cioè, che il verbale di contravvenzione elevato a seguito di alcol test, con relativa irrogazione della sanzione pecuniaria e sospensione della patente di guida, è illegittimo se non contiene alcune informazioni considerate essenziali. Più in particolare, secondo la Suprema Corte il verbale di contravvenzione deve contenere l’attestazione che è stato verificato il corretto funzionamento dello strumento di rilevazione e che lo stesso è stato sottoposto, preventivamente, alla prescritta ed aggiornata omologazione, vale a dire la verifica che viene fatta al primo collaudo dell’etilometro, ed alla corretta calibratura/taratura, cioè il controllo di funzionalità periodico dello stesso.

Omologazione e calibratura/taratura (con relativa indicazione della data) che permettono di accertare ed attestare il buon funzionamento della strumentazione e, quindi, la piena attendibilità dei dati rilevati attraverso l’utilizzo della stessa. La previsione della detta attestazione è volta a garantire l’effettiva trasparenza dell’attività svolta dalla Pubblica Amministrazione e, di conseguenza, la controllabilità della legittimità e correttezza della operazione di accertamento considerata nel suo insieme. Oltre a quelle appena esaminate, la Corte di Cassazione prevede un ulteriore motivo per il quale il verbale potrebbe essere dichiarato illegittimo: la mancata indicazione della circostanza che gli agenti abbiano avvisato l’automobilista, prima di sottoporlo all’etilometro, della possibilità di farsi assistere da un avvocato. È vero che la comunicazione della facoltà di farsi assistere da un legale potrebbe essere data anche verbalmente ma, in questo caso, qualora l’automobilista dovesse promuovere opposizione avverso il verbale di contestazione, gli agenti elevatori dovranno precisare dinnanzi all’Autorità Giudiziaria (che dovrà valutare, caso per caso, l’attendibilità o meno di tale dichiarazione) i motivi per i quali non avrebbero verbalizzato l’avviso fornito alla persona sanzionata.

Al riguardo, è bene, in ogni caso, precisare che, anche qualora sia stato regolarmente effettuato l’avviso relativo alla possibilità di farsi assistere da un legale, la presenza di quest’ultimo non è un requisito necessario per la validità dell’operazione di rilevamento e dell’eventuale verbale di contestazione che ne potrebbe scaturire. Gli agenti incaricati, quindi, possono procedere con il test etilico anche in assenza del legale dell’automobilista e non sono, neppure, tenuti ad attendere l’arrivo del procuratore qualora esso debba giungere da un luogo distante. L’accertamento, infatti, deve essere effettuato in tempi brevi, potendo altrimenti essere non attendibili i risultati dello stesso, dato il decrescere della curva etilica nel sangue.

Avv. Emilio Graziuso
Avvocato Cassazionista e Dottore di Ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche