x

x

Buonasera

Tares, a Taranto un solo giorno per pagare

Un solo giorno per pagare. E la Tares, la tassa per la spazzatura secondo la nuova nomenclatura che ha mandato in cantina la vecchia Tarsu, debutta tra le polemiche.

Tarantini inferociti, stamattina, hanno contattato la redazione di Taranto Buonasera. “Ho un’attività artigianale in centro” esplode una signora “ieri mattina ha ricevuto la cartella della Tarsu. 517 euro, la somma da pagare”. Ma quello che ha fatto strabuzzare gli occhi alla commerciante così come a tantissimi altri tarantini è la scadenza: il 30 giugno.

“Ma come” – protesta la nostra – “il Comune forse pensa che siamo tutti milionari. E’ vergognoso. Perché basta un giorno di ritardo e ti scattano gli interessi. Già ci hanno messo le mani in tasca” dice riferendosi a tutti i balzelli che incombono sul popolo dei tartassati. “Cosa ho fatto? Sono scappata alla posta ieri stesso per pagare. Ci manca pure che dobbiamo dare gli interessi”.

Come lei, parecchi, davvero tanti, tarantini hanno affrontato lo stesso dilemma. Con la cartella arrivata ad un giorno dalla scadenza e il festivo di mezzo hanno finito per affollare stamattina gli uffici postali.

La polemica diventa anche più aspra quando si accompagna ad una constatazione facilmente riscontrabile: “C’è da dire che, nonostante le tasse, la città fa schifo, in centro più che in periferia è sporco”. In mattinata le segnalazioni si moltiplicano.

“Perché il nostro ritardo dovrebbe essere ‘multato’ e quello del Comune nell’inviare le tasse no?” la domanda ricorrente di chi magari la corsa alla posta non l’ha potuta fare per impegni o semplicemente perché i soldi non ci sono.

Così Eva Degl’Innocenti ha cambiato il MArTA

Se Marta fosse una donna, e non MArTA, Museo Archeologico Nazionale di Taranto, si potrebbe dire che lei, Eva, l’ha condotta per mano in un percorso a là Benjamin Button: da signora piacente ma un po’ agée a ragazza stilosa, che sa usare i social, ama il rock e la tecnologia. I sei anni e […]

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]