x

x

Colpi a ripetizione in città

TARANTO – I ladri d’appartamento non si fermano. Anche ieri sera tre colpi in poche ore. Due in città e uno a Lama. Un déjà vu che va avanti da un pezzo e che sta mettendo a dura prova i nervi dei tarantini.
E’ un periodo in cui i “topi” d’appartamento sono particolarmente attivi anche se, notoriamente, nelle case ci sono meno soldi a causa della crisi economica. Due furti al giorno e il trend regge. Entrano in azione anche nelle ore serali quando nei palazzi e nelle strade c’è viavai di gente.  In una settimana i ladri hanno colpito a ripetizione in tutti i quartieri cittadini ma anche a Talsano, Lama e San Vito. Prima dei raid di ieri sera  colpi erano stati messi a segno nel capoluogo e nella borgata di Talsano, precisamente in via Bembo.


Polizia e  carabinieri  hanno intensificato i controlli ma fino ad ora i ladri sono riusciti a evitare le manette . Probabilmente si tratta di un paio di bande, ben organizzate,  una colpisce in città e l’altra nei quartieri della periferia sud, che conoscono abitudini e spostamenti dei proprietari delle case che intendono prendere di mira. E’ allarme anche per i furti nei negozi, negli studi professionali e negli istituti scolastici. Nei giorni scorsi Taranto Buonasera ha pubblicato un servizio sui commercianti del mercato Fadini stanchi dei furti che vengono messi a segno nella struttura. Portano via di tutto. Non solo soldi ma anche alimentari e bilance elettroniche. In città nell’ultima settimana sono finiti nel mirino uno studio da commercialista, uno studio medico, un bar, una pizzeria e una scuola. Una lunga lista nera che purtroppo rischia di allungarsi se non viene adottata una strategia che metta un argine ad un fenomeno che sta diventando sempre pià preoccupante.
I ladri, ma anche i truffatori, prediligono colpire gli anziani che vivono da soli in casa. Una 80enne è stata colta da malore ed è finita in ospedale dopo aver scoperto che la sua abitazione era stata messa a soqquadro dai malviventi.