x

x

Piano Sicurezza, vertice con il Prefetto Sammartino

Un piano per garantire sicurezza nella borgata di Talsano. L’allarme furti scattato nei mesi scorsi tiene alta l’allerta sul quartiere. I ladri continuano a fare razzìa e la gente ha paura persino ad uscire da casa. 

L’escalation di furti registrati nella borgata ionica ha attivato i controlli, ma soprattutto gli interventi della pubblica amministrazione.
Stamattina il prefetto ha raccolto le forze dell’ordine e gli amministratori di Taranto per fare il punto.

Alla riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza è intervenuto anche l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Lucio Lonoce.


E’ lui ad illustrarci quello che a Talsano finora è stato realizzato per rendere più sicure le zone, specie quelle più periferiche e buie.
“Abbiamo portato la pubblica illuminazione in molte strade  – ci conferma – e rifatto il manto stradale in altre come via Michelangelo o via Settembrini. Strade che non erano mai state sistemate da anni. Stiamo procedendo per garantire ulteriore sicurezza nel quartiere, ma abbiamo bisogno innanzitutto di visionare il bilancio”.

Inoltre resta il nodo delle strade private. “I settori Lavori Pubblici ed Urbanistica del Comune hanno già demandato l’incarico all’ufficio Patrimonio” fa sapere ancora Lonoce.

Servono i tempi tecnici per procedere e comunque, la mia istanza è rivolta ai cittadini affinchè abbiamo pazienza”. Preferisce dire la verità ai tarantini, “perchè non è possibile intervenire subito ovunque. Daremo certamente precedenza alle urgenze e alle priorità”.
Tutto dipenderà da quanto il bilancio comunale intende destinare a questi interventi.

Fatto sta che i furti continuano ad assillare i talsanesi. L’ultimo in ordine di tempo risale al 2 novembre scorso. La gente si sente messa sotto scacco da una banda di ladri che sta setacciando gli appartamenti.

Il Prefetto ha sollecitato gli amministratori ad ascoltare i residenti affinchè si possa stilare un piano delle priorità per garantire quanto prima la sicurezza nel quartiere.