x

x

Salvò un ragazzino caduto nel dirupo. Premiato un maresciallo

Consegna di riconoscimenti ai carabinieri del comando provinciale che si sono particolarmente distinti in operazioni di servizio.

Ieri sera nella sede della Lumsa di Taranto si è tenuta una cerimonia alla presenza del comandante della Legione Carabinieri Puglia, generale di brigata Claudio Vincelli, del procuratore a presso il Tribunale di Taranto, dottor Francesco Sebastio e del comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Daniele Sirimarco e nel corso della quale sono state consegnate ricompense ad alcuni militari in rappresentanza delle circa 90 tributate nel corso del 2013 ai carabinieri che si sono particolarmente distinti in attività di servizio.

Tra le onorificenze consegnate ieri, un cenno particolare merita l’encomio semplice concesso al comandante della stazione di Statte, maresciallo Francesco Malzone che non ha esitato a calarsi in un dirupo per soccorrere e trarre in salvo un ragazzo.

Quel giorno a Statte si era temuto il peggio per un ragazzino che era  precipitato nella gravina del paese.

Fortunatamente la folta vegetazione aveva frenato la caduta del ragazzino soccorso dal maresciallo Malzone e poi dai vigili del fuoco e dal  al personale sanitario del 118.

L'adolescente se l’era cavata con una sospetta frattura e con  qualche escoriazione.

Nel corso della cerimonia di ieri il procuratore Francesco  Sebastio, nel formulare le proprie congratulazioni ai militari premiati, ha inteso sottolineare la costante disponibilità e professionalità che l’Arma di Taranto offre all’autorità giudiziaria.

Il generale Claudio  Vincelli ha poi voluto ringraziare tutti i militari del comando provinciale per  l’impegno profuso nelle delicate attività istituzionali, esortandoli a perseverare al servizio del cittadino.

A conclusione dell’incontro, il comandante provinciale,  colonnello Daniele Sirimarco, ha evidenziato i valori di obbedienza e fedeltà, gli stessi che da quasi due secoli guidano tutti i militari dell’Arma, che animano quotidianamente i 700 Carabinieri della provincia di Taranto per la salvaguardia del territorio jonico.

Ne sono testimonianza le ventinove caserme dei carabinieri che sono diventate nel tempo un vero e proprio centro di ascolto e molto spesso primo riferimento dello Stato per le quotidiane difficoltà dei cittadini.