x

x

Uccisa per aver aperto un nuovo profilo facebook

Nuovi, inquietanti, dettagli emergono dalla confessione dell'uomo, Nunzio Proscia, di 40 anni di Gioia del Colle, che ha ucciso la sua compagna, Francesca Milano, di 42 anni anche lei di Gioia, ritrovata morta nelle campagne di Castellaneta.

Secondo alcune indiscrezioni, infatti, l'uomo avrebbe ammesso di aver agito in preda ad un raptus di gelosia dopo aver scoperto che la compagna aveva creato un nuovo profilo facebook sotto un altro nome.

Una storia incredibile quella raccontata dal giardiniere di Gioia ai carabinieri ed al magistrato di turno, il dott. Bretone della Procura di Bari, che per ore lo hanno interrogato nel corso della notte tra il 27 ed il 28 dicembre.

La donna era scomparsa da casa intorno alle 22 del giorno di Santo Stefano e le figlie avevano dato immediatamente l'allarme perché temevano che fosse accaduto qualcosa di grave. 

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il 26 dicembre, Proscia ha aspettato che Francesca Milano uscisse da una sala bingo a Putignano, dove la donna era andata a giocare con alcuni amici. L'uomo avrebbe costretto la donna a salire nell'auto di proprietà di Francesca, una Y10, e qui, dopo una discussione l'ha soffocata. Ha poi caricato il cadavere nel suo automezzo e l'ha portato nelle campagne di Castellaneta.