x

x

Coca dai narcos, gli arrestati fanno scena muta

Cocaina dai narcos: scena muta dinanzi al giudice dei dieci tarantini finiti in carcere per il blitz antidroga  “Neve tarantina”. Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere dinanzi al gip del tribunale di Taranto, dottor Martino Rosati che li ha ascoltati per rogatoria.

In carcere il 33enne Aldo Catapano, ritenuto il capo del gruppo, il 62enne Ferruccio Balestrieri, il 34enne Ciro Bianco, il 30enne Christian Briganti, il 38enne Giuseppe Ciracira, il 38enne Fabio Ferrigni, il 34enne Daniele Leale, il 62enne Francesco Leale,  il 31enne Salvatore Maglie,  il 38enne Cataldo Missiano. Domani toccherà agli indagati che hanno beneficiato dei “domiciliari”. Si tratta del 37enne Mirko Albano, del 28enne Antonio Durante, del 30enne Nicola Gentile, d  39enne Ivano Leale, del 34enne Angelo Murciano, del 51enne Roberto Mastrovito e del 42enne Luciano Merletto.

Il 20 genniao, invece, fissato l’interrogatorio a Lecce per gli indagati sottoposti all’obbligo di dimora il 33enne  Costantino Bianchini, il 34enne  Alessandro Lanzafame, il  25enne Francesco Leone, il 44enne Pietro Lo Scialpo. Altre  nove persone sono indagatie a piede libero. Il collegio di difesa è composto tdagli avvocati Salvatore Maggio, Gaetano Vitale,  Michele Rossetti, Giuseppe Sernia, Marino Galeandro, Patrizia Boccuni e Adriano Minetola.

Le indagini sono state avviate nel 2009 dai  carabinieri del Nucleo investigativo ddi tTranto I militari  dell’Arma hanno messo sotto osservazione Aldo Catapano che  si era ricavato una posizione di tutto rispetto nell’ambito dei gruppi criminali locali dirigendo coetanei “emergenti” dediti al traffico di stupefacenti. L’attività investigativa ha permesso di accertare che Catapano, per la gestione dei traffici illeciti si sarebbe avvalso della collaboborazione di Daniele Leale, nipote di un personaggio appartenente alla cosiddetta “vecchia guardia” facente capo ai fratelli Modeo e che negli anni ‘80-’90 operava nel traffico di stupefacenti.  Le dosi di cocaina, eroina e hashish erano indicate  come “acqua”, “birra”, “ostriche”, “bicicletta”, “legna”  “cd” “cozze”, “neve” e “dolcetto”.