x

x

Introna via da Sel? Pronta una lista dei Socialisti

BARI – Il primo pensiero va, ovviamente, ai nostri marò, che ad onor del vero in consiglio regionale vengono periodicamente ricordati. “Basta fare gli indiani – sostiene il presidente socialista Onofrio Introna – è arrivato il momento di riportarli a casa.

La diplomazia italiana ha fallito,  ora facciamocene carico tutti”. Ed infatti mercoledì prossimo è già stato fissato un consiglio regionale monotematico per smuovere le acque.

Presidente Introna, l’impegno del Consiglio regionale sui nostri marò è lodevole. Che cosa accadrà mercoledì?
“Sono certo che l’Aula voterà all’unanimità un ordine nel giorno per la loro liberazione. Sarebbe ora”.

E mercoledì ci saremo anche noi. Intanto ci sono altre scadenze importanti alle porte, come la riforma della legge elettorale, ad esempio.
“Infatti. Anche su questo fronte siamo attivissimi, così come lo siamo stati sui tagli dei costi della politica. La riforma della legge elettorale sarà un ulteriore esempio di come la Puglia sia sempre all’avanguardia. Ed ora che sono state rese pubbliche le motivazioni con le quali la Consulta ha bocciato il porcellum sono sicuro che entro tre mesi la nuova legge sarà pronta”.

Idee?
“Non si torna indietro dai 50 più uno. Il resto sarà il dibattito in commissione ed in aula a stabilirlo. Personalmente immagino che a questo punto si possa anche cancellare lo sbarramento, ma questa è una mia opinione”.

Giustificata dalla riduzione del numero dei consiglieri. Che ci auguriamo possa rappresentare anche un risparmio per i contribuenti pugliesi.
“Le do una notizia in anteprima. Proprio oggi ho ricevuto i conti dei gruppi. In due anni siamo passati da 810mila euro ai 344mila di quest’anno. Ma non è tutto. Perchè rispetto ai soldi stanziati nel 2013 i gruppi hanno restituito 20mila euro”.

Sembrano lontani i tempi di Fiorito, anche se è passato poco tempo e la Puglia è sempre più virtuosa sotto questi aspetti. A proposito di voto, però, lei non è solo Presidente del Consiglio regionale, ma da pochi giorni anche dell’Associazione Socialistideuropa. Cos’è?
“E’ una associazione, appunto, fatta di compagne e di compagni socialisti che non si rassegnano ad abbandonare i valori e le idee del pensiero socialista”.

E’ un modo per uscire da Sel prima che la nave affondi? Comunque giustificato anche da come Vendola abbia maltrattato i socialisti alle ultime elezioni.
“Questo è parzialmente vero. Ma i socialisti pugliesi non hanno aderito a Sel, ma al progetto di governo di Vendola, cosa ben diversa”.

L’associazione prelude alla creazione di un movimento politico o di una lista socialista per misurarsi alle elezioni?
“Caro direttore, i socialisti pugliesi hanno già dichiarato che appoggeranno De Caro a Bari e Mongelli a Foggia. L’importante non è la lista, ma i voti”.

Michele Mascellaro
Direttore Responsabile
Taranto Buonasera