x

x

Davanti all’Arsenale è una vera ‘giungla’

“Sono felice per questa opportunità che date a noi cittadini che purtroppo a volte non siamo ascoltati, o non sappiamo a chi rivolgerci”. Esordisce così Grazia Zingaro che passa a segnalare il suo ‘Sos’.

“Io sono fiera di essere una tarantina, ma molto arrabbiata e delusa con chi ci governa in città. Anzi mi chiedo, ma noi siamo governati da qualcuno? E’ una vergogna! La nostra città è bellissima, però poco curata. Mi sono stancata di recarmi di persona in via della Croce (sede Amiu) o telefonare per segnalare una delle zone di Taranto che secondo me va curata. Vengo al dunque: da quando ero piccola, ero abituata a vedere, già da piazza Immacolata, il nostro Arsenale; ma delle nostre vie del centro, che non dobbiamo invidiare a nessuna città d’Italia, via Di Palma non è tenuta bene. Subito dopo via Crispi inizia una boscaglia (alberi che entrano addirittura nella case e costringono gli abitanti di via Di Palma, in pieno giorno, a tenere la luce accesa). Quindi, solo noi che siamo tarantini sappiamo che oltre quella boscaglia esiste un’istituzione tarantina. Un turista arriva in via Crispi e torna indietro, e questo non va bene".

"Abbiamo tante bellezze – continua – che non vengono valorizzate. Colgo l’occasione di segnalare, inoltre, sempre in via Di Palma, il presidio delle autolinee extraurbane: sostano tutto il tempo, che a volte va anche oltre i 15-20 minuti, con i motori accesi e i gas di scarico inquinano oltre misura, e questo non va a beneficio degli abitanti che abitano specialmente ai piani bassi, che sono costretti a tenere di giorno in casa, oltre la luce artificiale accesa, anche le finestre chiuse. Lascio a voi, gentilissima rubrica Sos Città, arrivare alle conclusioni. Basterebbe poter sfoltire gli alberi periodicamente e spostare il capolinea dei bus in una zona più adatta”.