x

x

Minacce e botte alla mamma per spillarle i soldi

Minacce e botte alla madre per spillarle i soldi per la droga. Una 23enne è stata arrestata dalla polizia. su ordine della magistratura

Gli agenti della Squadra Volante nella giornata di ieri hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di una giovane,  originaria della provincia Brindisi, e residente a Taranto.

Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal gip del Tribunale di Taranto, dopo che gli investigatori della questura hanno accertato il caso di  maltrattamenti in famiglia.

I poliziotti hanno appurato che da circa un anno la ventitreenne, tossicodipendente, aveva generato in casa un clima di vera e propria intimidazione, sia psicologica che fisica. Vittima la madre.

Con i suoi comportamenti aggressivi aveva causato alla poveretta uno stato di profonda prostrazione e di sudditanza psicologica, con il solo scopo di estorcerle denaro per l’acquisto giornaliero della dose di droga.

Nel corso delle indagini gli agenti della Squadra Volante  hanno accertato che  la giovane donna in più occasioni avrebbe  preteso, con modi  violenti, somme di  denaro dalla madre e spesso si sarebbe impossessata del denaro, con la forza, prelevandolo dalla borsa.

Nella giornata di ieri per evitare il ripetersi delle aggressioni ai danni della malcapitata il giudice delle indagini  preliminari del tribunale di Taranto ha emesso il provvedimento restrittivo, disponendo che la ventitreenne dedita all’uso di stupefacenti fosse arrestata e condotta in una comunità terapeutica della provincia jonica.

Nel capoluogo un ennesimo caso di maltrattamenti in famiglia, reato per il quale com’è noto le pene sono diventate più severe.