x

x

Rubano “oro rosso” all’Ilva, tre arresti

Hanno rubato “oro rosso” all’interno dello stabilimento Ilva.

I poliziotti della Squadra Volante ieri sera hanno  arrestato per furto aggravato tre tarantini. Si tratta di Cosimo Ponsetta,  Francesco Carbotto, e Paolo Mangeri, rispettivamente di 53, 42 e 43 anni. Intorno alle 21 la centrale operativa della questura è stata allertata dagli addetti alla vigilanza del colosso siderurgico.

Avevano prima notato e poi tenuto sotto controllo tre uomini, che dopo aver scavalcato la recinzione dello stabilimento, si erano introdotti in un capannone di una ditta dell’appalto ed erano intenti a tranciare, con delle tronchesi, cavi elettrici. Tenuti sempre sotto osservazione dai vigilanti e successivamente degli agenti della Volante, nel frattempo giunti sul posto, i tre ladri di rame dopo aver preparato alcune matasse di cavi, le hanno caricate su un furgone che avevano  parcheggiato nei pressi.

Con il mezzo che è di proprietà della ditta dell’appalto sono usciti dallo stabilimento. Gli agenti appostati dopo il Varco dello stabilimento li hanno subito fermati accertando le  loro responsabilità . Accompagnati negli uffici della questura i tre sono stati dichiarati in arresto i e su disposizione dell’autorità giudiziaria  posti ai “domiciliari”.

I cavi elettrici per un peso complessivo di 300 chilogrammi  sono stati successivamente restituiti ai responsabili della ditta dell’appalto  proprietaria del rame.

Sono in aumento in tempi di crisi economica i furti di “orto rosso”. Numerosi gli arresti eseguiti in città e in provincia   dalle forze dell’ordine.