x

x

Appalti, corteo dei lavoratori durante il Consiglio comunale

La settimana è  iniziata col presidio di fronte alla sede dell’Ammiragliato, in corso Due Mari. I lavoratori dell’appalto della Marina, addetti alle mense e alle pulizie, hanno montato le tende e trascorso la notte in attesa di notizie.

Se non succede nulla di nuovo, il 23 aprile saranno ufficialmente senza lavoro. Il presidio prosegue ad oltranza. Una escalation: ieri la tappa sul ponte girevole, occupato dai manifestanti che poi sono tornati alla ‘base’. Da lì domani partirà un corteo, direzione palazzo di Città. L’iniziativa porta la firma delle organizzazioni di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Uiltrasporti. La manifestazione con corteo delle lavoratrici e dei lavoratori degli appalti mense/ristorazione e pulizie/sanificazione per la Marina Militare parte alle 10,30.

Il corteo dei lavoratori muoverà dallo spazio antistante corrispondente l’ingresso dell’Ammiragliato in corso Due Mari, percorrerà in senso contrario corso Due Mari in direzione ponte Girevole, attraverserà il ponte girevole in direzione piazza Castello, arrivati in piazza Castello si proseguirà verso il Comune. Arrivo previsto per le 11.

Il corteo si chiuderà con un sit in di protesta sotto il Municipio in concomitanza del Consiglio Comunale. “Il sit in è motivato dal fatto che sono a serio rischio di perdita del posto di lavoro buona parte delle circa 250 unità lavorative, che corrispondono alla somma delle addette e degli addetti alle mense e/o alle pulizie all’interno delle caserme” spiegano i sindacati. “Nell’occasione chiederemo al sindaco di Taranto e all’intero consiglio comunale solidarietà e un loro intervento nei confronti del ministero della Difesa attraverso anche i parlamentari di terra Ionica”.

Terminata la manifestazione i lavoratori e le lavoratrici ritorneranno sotto l’ammiragliato della Marina per proseguire il sit-in permanente già in atto.