x

x

Nella giungla di via Magnaghi, tra erbacce e sterpaglie

Erbacce e sterpaglie ai lati della strada. Un classico, in riva allo Jonio, se non fosse che la strada in questione è una delle arterie più trafficate della città.

Stiamo parlando di via Magnaghi: a destra della carreggiata c’è il muraglione che cinge le aree della Marina militare; a sinistra le auto in sosta… nella giungla. La porzione di marciapiede realizzata su entrambi i lati di via Magnaghi è frequentatissima dai proprietari di cani. Una “frequentazione” che lascia il segno: sull’asfalto, infatti, restano i “ricordini” non raccolti dai padroni dei cani randagi.

Difficile inoltrarsi tra erbacce e deiezioni canine. Per questo, molti preferiscono camminare a bordo strada, rischiando di essere investiti dalle auto che percorrono a velocità elevata via Magnaghi. All’amministrazione comunale, e quindi agli operatori dell’Amiu, il compito di estirpare le piante. Ai proprietari dei cani, invece, il dovere di armarsi di sacchetto e paletta.