x

x

Sindacati e imprese, accordo sul reinserimento nel lavoro

Sottoscritto un “Protocollo di intesa per le politiche di contrasto alla crisi economica ed occupazionale della Provincia di Taranto”. Attori di questo accordo, sigliato presso la sede della Direzione Provinciale del Lavoro, sono le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, Confindustria Taranto e Autorità Portuale.

L'accordo disciplina la possibilità di ricollocare “prioritariamente”  quei lavoratori che sono stati espulsi (cassintegrati, lavoratori in mobilità ordinaria, straordinaria e in deroga) dai processi produttivi nell’ambito dell’intera provincia. L’ordine delle operazioni riguarderà inizialmente i lavoratori del settore portuale e, a seguire, quelli provenienti dai settori: edile, metalmeccanico e dei servizi della stessa provincia di Taranto.

«Un accordo di alto profilo oltre che di grande utilità – si legge nella nota dei Sindacati Confederali -, teso a disciplinare un ambito, quello dell’accesso al lavoro, che attualmente rileva grandi criticità, proprio per l’assenza di regole, e che frustra finanche le scarne possibilità che si presentano. L’effettività dell’accordo si formalizzerà con l’inserimento nelle procedure di aggiudicazione delle opere e dei servizi (bandi) di una clausola specifica (c.d. clausola sociale) ad opera dell’Autorità Portuale».