x

x

Merce pericolosa nel negozio cinese, scatta il sequestro

Ennesimo sequestro di congegni elettrici pericolosi da parte della Guardia di Finanza. Un altro cittadino cinese è stato segnalato all’autorità giudiziaria.

Non si arresta l’azione delle Fiamme Gialle tarantine in tutto il territorio provinciale, finalizzata a contrastare la vendita di prodotti non conformi alla normativa sulla sicurezza e, quindi,  altamente pericolosi per il consumatore.

Nel mirino dei “baschi verdi” del Gruppo di Taranto diretti dal tenente colonnello Domenico Mallia è finita un’altra attività commerciale situata nel centro cittadino del capoluogo jonico e gestita da un negoziante di nazionalità cinese.

I militari della Finanza hanno accertato che all’interno del negozio venivano posti in vendita sia congegni elettrici ed elettronici che accessori per telefonia (pellicole touch-screen e cover), risultati pericolosi, i primi in quanto privi dei requisiti imposti dalla normativa comunitaria sulla sicurezza prodotti e i secondi perchè riportanti marchi taroccati.

Sono stati sequestrati circa 1.000 articoli, mentre per il titolare dell’esercizio commerciale è scattata la segnalazione  all’autorità giudiziaria per contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o di prodotti industriali introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi  e ricettazione.

Risponde anche di violazione del decreto legislativo 206/2005 (codice del consumo), in quanto i prodotti non riportavano le indicazioni in lingua italiana ovvero erano mancanti delle indicazioni relative alla ragione sociale, al marchio e alla sede legale del produttore e dell’importatore.