x

x

Preso con la pistola dopo la lite. Ai domiciliari

Ha ottenuto i “domiciliari” il 22enne Antonio Gentile, finito in cella dopo che è stato trovato in possesso di una pistola.

I giudici del tribunale della libertà lo hanno mandato a casa accogliendo la richiesta avanzata dal suo difensore, l’avvocato Luigi Danucci.

Gentile era stato arrestato nell’ottobre del 2013 dagli agenti della questura che erano intervenuti in piazza Messapia per sedare una rissa che, secondo gli investigatori, era scoppiata per  contrasti nella gestione di affari illeciti.

Intervenuti sul posto i poliziotti della Squadra Mobile avevano inseguito Gentile fino all’androne di uno stabile nel quale abita un noto pregiudicato tarantino coinvolto nella zuffa.

Gentile era stato poi trovato in possesso di una pistola calibro 38 ed era stato arrestato.

La polizia quel giorno ha cercato di raccogliere informazioni per identificare le persone coinvolte nella lite e scoprire soprattutto il movente. Gentile, che è difeso dall’avvocato Danucci, si è  sempre avvalso della facoltà di non rispondere.