x

x

L’impegno di Lions e Leo contro la violenza sulle donne

Il meeting organizzato da Lions Club Taranto Poseidon e Leo Club Taranto

25 novembre: Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Una data che il Lions Club Taranto Poseidon (Presidente Rosa De Benedetto), insieme al Leo club Taranto (Presidente Giuditta Colangelo), ha sottolineato con la matita rossa organizzando, sabato scorso, un meeting al Circolo Ufficiali sul tema: “Associazioni in Rete: Violenza contro le Donne e Responsabilità sociale”. Hanno aderito e partecipato al meeting anche le associazioni “Sostegno Donna” e “La Casa delle donne”. Associazioni in rete, dunque, perché, per affrontare e cercare di risolvere un problema così enorme qual è quello della violenza contro le donne, in costante e preoccupante aumento, sono importanti, prima di tutto, la collaborazione fra enti e associazioni, la formazione, cioè l’educazione al rispetto della persona, e l’informazione.

In questa prospettiva un anello utile fra associazioni ed enti è “La casa delle donne” il cui obiettivo – ha detto la Presidente Anna Rita Lemma- è quello di promuovere la cultura di genere a 360° per favorire la presenza femminile nella sfera pubblica e per combattere la violenza contro le donne che non è sempre visibile e non è solo fisica, ma anche psicologica e morale. La rete fra associazioni, ha tenuto a precisare Anna Rita Lemma, deve diventare azione concreta per tutto l’anno, non solo in ricorrenza del 25 novembre. Ira Panduku, dell’Associazione Sud –Est Donne e del Centro antiviolenza “Sostegno Donne”, ha ricordato, dati alla mano, l’attività svolta dal Centro contro la violenza sulle donne che è, purtroppo, profondamente radicata nella nostra storia e che non è un fatto privato, si badi, ma una violazione dei diritti umani. La violenza sulle donne a Taranto è un’autentica pandemia e nell’80% dei casi il carnefice è il marito o il compagno (o ex marito, ex compagno), nel 20% , invece, è un familiare della vittima. La violenza è trasversale e colpisce le donne dai diciotto ai settant’anni, di qualunque classe sociale ed estrazione culturale.

Lo Sportello d’ascolto del Centro e la rete fra associazioni ed enti servono a questo: a offrire solidarietà alle donne, che troppo spesso non denunciano per paura e anche per il timore di non essere credute, e per aiutarle a inserirsi nel mondo lavorativo. Solidarietà, collaborazione e tanti, anche piccoli, impegni capillari per raggiungere un grande fine: l’eliminazione o almeno un ridimensionamento della violenza, come insegna la favola del colibrì che, scoppiato un incendio nella foresta, quando tutti gli animali fuggivano per mettersi in salvo, prendeva lui solo una goccia d’acqua dalla fonte per versarla sul fuoco, volando avanti e indietro, dalla fonte alla foresta incendiata; al leone, che gli chiedeva se veramente credeva di poter spegnere l’incendio con le gocce d’acqua, il colibrì rispose: Forse no, ma io la mia parte la devo fare ugualmente. Le donne, dunque, possono essere come quel colibrì, piccolo e generoso, portatore di speranza e di salvezza per tutti. Momenti di massimo coinvolgimento emotivo sono stati raggiunti quando i genitori di Federica De Luca, uccisa insieme al figlioletto Andrea, qualche anno fa, dal marito, hanno raccontato con dignità, ma anche con immenso dolore, la vita della loro splendida figlia, stroncata dal marito-carnefice e tutte le vicende dell’infausto matrimonio; a questa testimonianza si è unito poi il ricordo commosso e spontaneo di un professore di Federica, Antonio Bertotto. Inoltre tre socie del Lions Poseidon hanno letto le testimonianze anonime di tre donne, tre tarantine, vittime di spaventose violenze domestiche.

Ad allentare la tensione sono state la poetessa Vita Sangermano, che ha letto una sua poesia, e la cantante Grazia Maremonti accompagnata dal chitarrista Santino Mandollo, interpreti raffinati di alcuni brani musicali. Nel corso della serata sono intervenute Flora Lombardo Altamura, Past Presidente del Consiglio dei Governatori e GWA, la Presidente del Lions Club Poseidon Rosa De Benedetto, la Presidente del Leo Club Taranto Giuditta Colangelo (che ha rappresentato la visione dei giovani) e Carmen Galluzzo Motolese. Ha concluso il meeting il Presidente di Zona Mario Bucci. Erano presenti varie Autorità cittadine fra cui l’Ammiraglio Salvatore Vitiello, il Presidente dell’Ordine degli Avvocati Antonvito Altamura, la Commissaria di Polizia Sabrina Olla, coadiuvata dal Sovrintendente Claudia Mazzariol, , la dottoressa Sabrina Pontrelli, delegata dal Presidente della Provincia di Taranto e vari presidenti di associazioni culturali e club cittadini.