x

x

Vigili del Fuoco, tracciato il consuntivo del 2021

Il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Pierpaolo Patrizietti

“Il 4 dicembre ricorre la festività di S. Barbara, protettrice dei Vigili del Fuoco, della Marina Militare e di tutti coloro che svolgono mestieri pericolosi in genere. Dopo che nel 2020, a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid 19, siamo stati costretti a festeggiare la ricorrenza in maniera semplice e dimessa all’interno della nostra sede centrale, ritorniamo con gioia a festeggiare la nostra Santa, insieme alla Marina Militare anticipandola al 3 dicembre”. Così il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, Pierpaolo Patrizietti, nel corso di una conferenza stampa.

“In concomitanza con il Giubileo dei 950 anni dal ritrovamento del corpo di San Cataldo e delle ricostruzione della Basilica Cattedrale, la funzione religiosa verrà officiata presso la Cattedrale alle ore 10 dall’arcivescovo Filippo Santoro, alla presenza delle massime autorità civili e militari, al personale VVF e della Marina Militare in servizio e a una rappresentanza delle rispettive associazioni del personale in congedo- ha sottolineato Patrizietti- a seguire una esposizione dei mezzi VVF nel lungomare e lo stendimento della Bandiera Italiana da parte di personale specializzato SAF dei Vigili del Fuoco di Taranto dalla sommità del Castello Aragonese, nonché una “Pompieropoli” riservata agli alunni della scuola elementare “Consiglio” predisposta e realizzata dal personale della Associazione dei Vigili del Fuoco. Questa ricorrenza per noi, comunque, è una occasione importante anche per fare il punto della situazione relativamente all’attività svolta e ai risultati conseguiti nel corso del 2021.

Innanzitutto, anche in questo anno, purtroppo ancora caratterizzato dall’emergenza sanitaria Covid 19 mi sento in dovere di ringraziare tutte le componenti del personale, tecnica operativa e amministrativa, che in questo particolare periodo hanno dimostrato di saper affrontare le criticità connesse al nostro lavoro e soprattutto all’emergenza sanitaria, fornendo ampia disponibilità, impegno e dimostrando spirito di sacrificio. In questa circostanza non possiamo non ricordare la nostra collega Rosanna Resta che purtroppo lo scorso marzo è deceduta a causa del Covid 19, lasciando un vuoto difficilmente colmabile sia dal punto di vista professionale che soprattutto umano. Nonostante le tante difficoltà incontrate, anche, e soprattutto, in questa occasione abbiamo cercato di essere vicini alla cittadinanza, alle tante persone che hanno perso il lavoro o che comunque si trovano in difficoltà, espletandola nostra attività di soccorso tecnico urgente, come pure alle istituzioni e agli enti locali che ci chiedono consigli e pareri inerenti la sicurezza antincendio.

E’ opportuno evidenziare il numero di interventi per incendi connessi alla campagna antincendio boschiva, pari a 1499 (+20% circa rispetto al 2020), che hanno interessato circa 2664 ettari di colture e sterpaglie (+97% circa rispetto al 2020) e circa 547 ettari disuperficie boscata (+85% circa rispetto al 2020). Tra gli interventi di particolare rilevanza nel corso della campagna AIB, si segnalano vari incendi boschivi che hanno interessato aree di particolare pregio naturalistico, che hanno richiesto il soccorso di aeromobili della flotta 6 di Stato ed elicotteri messi a disposizione dalla Regione Puglia, coordinati dal personale dei vigili del fuoco con specializzazione DOS. In tema di antincendio boschivo, sembra doveroso auspicare un maggior impegno, da parte di tutti nella fase di prevenzione, impegno che potrebbe concretizzarsi ad esempio con campagne di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini e con una maggiore attività di controllo del territorio”.