x

x

Processo Ilva a Milano, il Ministero è parte civile

Il giudice della Terza sezione penale del Tribunale di Milano ha accolto la richiesta dei legali del ministero dello Sviluppo economico che diventa parte civile, solo per quanto riguarda le persone fisiche, nel processo milanese a carico di Fabio Riva, di altre due persone e della società Riva Fire, la holding che controlla l'Ilva di Taranto, con al centro una presunta truffa allo Stato da cento milioni di euro. 

E' stata invece respinta l'istanza di costituzione come parte civile di Simest, società controllata dalla Cassa depositi e prestiti, e del ministero dello Sviluppo economico per quanto riguarda le società in quanto «le domande sono state presentate in maniera tardiva».

No anche alla citazione della società Riva Fire come responsabile civile. Secondo l'accusa, sarebbe stata creata una società ad hoc, l'Ilva Sa, per aggirare la normativa sull'erogazione di contributi pubblici per le aziende che esportano all'estero.