x

x

Seggi aperti anche a Taranto. Si vota sino alle 23

Seggi aperti alle 7 anche a Taranto per le elezioni Europee. Si andrà avanti sino alle 23. Poi cominceranno le operazioni di spoglio che dovrebbero concludersi in prossimità dell'alba del 26 maggio.

 

Saranno 191 i seggi allestiti a Taranto città. Per quanto riguarda il Comune di Taranto previste anche delle sezioni speciali per permettere il voto agli ammalati ed ai detenuti. Luoghi di cura con più di 100 posti letto: Ospedale Ss. Annunziata; ospedale Militare; Bernardini; Santa Rita; Cittadella della carità; Villa Verde; San Camillo. Comunità: Delfino; Airone; Incontro. Casa circondariale via Magli.

Ricordiamo che tra il 22 e il 25 maggio (in Italia si vota solo nella giornata di oggi) i cittadini dell'Unione Europea andranno a votare per eleggere i 751 eurodeputati della legislatura 2014-2019. Un voto cruciale per la vita di tutti, visto che gran parte delle normative e delle politiche nazionali ormai derivano dalle leggi e dai vincoli imposti dalle istituzioni europee.

Come più volte sottolineato, ognuno dei 28 paesi si recherà alle urne in giorni diversi e con un sistema elettorale diverso, che discende dalle diverse storie elettorali dei singoli paesi. Ecco come si voterà in Italia e negli altri 27 paesi.

In Italia vige un sistema elettorale proporzionale con soglia di sbarramento al 4%. Quello per le Europee è un sistema disegnato nel 1979, per il primo voto diretto per l'Europarlamento, e "imita" il proporzionale puro allora vigente anche per le politiche.

Nel voto di oggi, domenica 25 maggio (urne aperte dalle 8 alle 23) i 73 seggi che spettano all'Italia saranno scelti con il principio proporzionale "tanti voti, tanti seggi". Unico limite: la soglia di sbarramento al 4%. Quei partiti che a livello nazionale non raggiungeranno almeno quella soglia non entreranno nell'europarlamento.

Il territorio nazionale è diviso in 5 circoscrizioni: Nord-Est (14 seggi), Nord-Ovest (20), Centro (14), Sud (17) e Isole (8). Possono votare tutti i cittadini che hanno compiuto 18 anni e sono eleggibili quelli che hanno compiuto 25 anni. Non sono previste coalizioni, con l'eccezione della possibilità di collegamento per le liste delle minoranze linguistiche con un'altra lista.

L'elettore dovrà scegliere una delle liste candidate semplicemente facendo un segno sul simbolo relativo. Inoltre può esprimere fino a tre preferenze, scrivendo il nome dei candidati negli spazi accanto al simbolo.

Il Parlamento ha appena introdotto una norma molto discussa sulle cosiddette 'quote rosa' che entrerà in vigore a pieno nel 2019 ma che avrà parziali effetti anche per il voto del 25 maggio: in caso in cui venissero espresse tre preferenze per candidati dello stesso sesso, la terza preferenza sarà annullata. Quindi nell'esprimere tre preferenze bisogna ricordarsi che almeno una deve essere per un candidato di sesso diverso dagli altri due.