Un grosso petardo contro l’auto di operaio

SAN GIORGIO JONICO – Hanno piazzato e fatto esplodere un grosso petardo sul cofano della macchina di un operaio.

Pesante avvertimento, nella notte tra sabato e domenica, nei confronti di un quarantenne incensurato. La deflagrazione, che è stata udita dai residenti di via Tiziano, ha provocato danni alla Fiat Punto finita nel mirino. Del caso si stanno occupando i carabinieri della stazione di San Giorgio Jonico e della Compagnia di Martina Franca.

Gli investigatori dell’Arma stanno indagando a 360°.

Nei giorni avvertimenti a suon di esplosivo erano stati compiuti nel capoluogo jonico.   Un ordigno di basso  potenziale era stato fatto esplodere davanti ad un noto  ristorante in viale Trentino.

La deflagrazione aveva infranto una vetrata, danneggiato alcuni infissi e annerito una parete, senza provocare danni all’arredo interno.
La bomba era esplosa pochi minuti dopo la chiusura del locale.  Quello di viale Trentino è stato  il terzo attentato dinamitardo in pochi giorni.

Nei giorni precedenti nel mirino erano finiti una sala giochi in via D’Alò Alfieri e  un negozio di bibite in corso Piemonte. Sugli episodi stanno indagando la polizia e i carabinieri.  Gli investigatori dell’Arma e della Questura stanno lavorando per accertare se dietro gli attentati ci sia  il racket.

Subito dopo le esplosioni avvenute in città, polizia e carabinieri hanno acquisito informazioni ma anche le riprese filmate dei sistemi di videosorveglianza delle zone interessate dagli attentati.

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]

Verso il voto. Scrutatori nominati, è polemica

«Il forte rischio è che la nomina degli scrutatori possa rappresentare un possibile voto di scambio». Lo afferma Alfredo Venturini, coordinatore della lista Taranto Mediterranea, in riferimento alla nomina degli scrutatori per la composizione dei seggi per le elezioni comunali del 12 giugno. «Abbiamo appreso che il Commissario straordinario Prefetto dott. Vincenzo Cardellicchio al Comune […]

Cosa succederebbe se chiudesse l’ex Ilva

È in corso un dibattito caloroso (Taranto Buonasera del 20/5 parla giustamente di “lite”) sulla situazione reale dell’ex Ilva tra vari soggetti di interessi pubblici (partiti, sindacati, ecc.) ma le preoccupazioni ed il pensiero della popolazione, quella senza posizioni di parte, risultano assenti. Molle tarentum? Forse, ma è doveroso intervenire almeno per dire ciò che […]