x

x

Getta la pistola dall’auto, preso in pieno centro

Se ne andava in giro con la pistola nella cintola dei pantaloni e quando ha visto la polizia  ha lanciato l’arma dal finestrino della macchina ed è fuggito.

Aspromonte Romanazzi, ventiquattrenne  già noto alle forze dell’ordine  nella serata di eri  è finito  nella rete tesa dagli  agenti della sezione “Falchi” della Squadra Mobile che erano impegnati nei consueti servizi antirapina nelle vie del centro cittadino.

I poliziotti in borghese diretti dal dottor Roberto Giuseppe Pititto intorno alle 19.30 in via Crispi hanno notato Romanazzi, giovane a loro molto conosciuto, giungere a bordo di un’autovettura Lancia Y di colore grigio.

Il 24enne appena ha visto i poliziotti si è allarmato. Ha assunto un atteggiamento che ha insospettito i “Falchi” i quali hanno deciso di fermarlo per un sottoporlo ad un controllo.

Mentre gli agenti si stavano avvicinando alla macchina Romanazzi si è disfatto rapidamente di una pistola che aveva nascosto nella cintola dei pantaloni, lanciandola fuori dal finestrino e ha pigiato sull’acceleratore della Lancia riuscendo così ad allontanarsi dalla zona e  far perdere le proprie tracce.

Dopo aver recuperato la pistola lanciata dal giovane, una semiautomatica calibro 7.65,  priva di marca e con la matricola limata, completa di caricatore con 5 proiettili, i poliziotti hanno attuato una serie di mirati servizi per rintracciare il fuggitivo.

Gli hanno dato subito la caccia e Romanazzi, vistosi ormai alle strette, intorno alle 23.30 si è consegnato agli agenti. Su disposizione dell’autorità giudiziaria il ventinquattrenne  è stato dichiarato  in arresto e posto ai “domiciliari”. L’autovettura  sulla quale viaggiava è stata sequestrata in quanto priva della  copertura assicurativa.