x

x

Montagne di rifiuti: da mobili dismessi alle potature

San Vito: dalla raccolta rifiuti porta a porta, ai rifiuti … sulla porta (di casa). “Quello che sto per descrivervi (e mostrarvi con le fotografie) è quanto sta accadendo, ormai da mesi, a San Vito e precisamente in via Lido Bruno, in corrispondenza del piazzale antistante lo stabilimento balneare e camping Sun Bay e in prossimità di una fermata Amat: cumuli, vere e proprie montagne alte 2 metri, di rifiuti speciali, mobili dismessi, macerie di lavori edili, sacchi di umido, potature di giardini … persino alberi”.

Inizia così la richiesta di aiuto del signor Michele M., residente della zona. Michele ha la sua idea: “Chi viene ad alimentare quella che ormai è diventata una discarica a cielo aperto in una delle più belle e frequentate zone di San Vito non sono solamente i poco civili abitanti del circondario ma anche interi camion di ditte di manutenzione giardini o pseudo tali che evitano, per aumentare i profitti (i costi sono costi!), di andare a conferire in discarica i risultati del loro “lavoro””.

“Mi sono permesso una volta di redarguire uno di questi incivilissimi signori per sentirmi mandare a quel paese”. Il nostro non si è dato per vinto. “Ho protestato nei confronti dei dipendenti dell’Amiu che ogni tanto vengono ad ammonticchiare i rifiuti o a far finta di rimuoverli, sia al numero verde e mi è stato risposto che dobbiamo essere noi a “ribellarci”. Ho persino telefonato più volte alla Polizia Municipale con la risposta che avrebbero mandato qualcuno, ma di vigilanza con tanto di multe ai trasgressori neanche a parlarne”. “A questo punto mi chiedo: una città che sta in tutti i modi cercando di attirare il turismo e promuovere la cultura, che immagine dà ai tanti turisti, anche stranieri, che arrivati nei pressi del camping che dovrà ospitarli si trovano di fronte ad un così “suggestivo paesaggio” e che cultura possiamo promuovere se i nostri comportamenti neppure lontanamente ricordano la civilissima Magna Grecia”.