x

x

Rapina alle Poste, incastrato dalle telecamere

E’ stato incastrato dalle telecamere dell’ufficio postale della città vecchia in cui, martedì scorso, ha messo a segno una rapina, picchiando, tra l’altro, anche un impiegato.

I poliziotti della Squadra Mobile nel pomeriggio di ieri hanno arrestato Francesco Campo, tarantino di ventisei anni. Le indagini avviate subito dopo il colpo dagli agenti in borghese diretti dal dottor Roberto Giuseppe Pititto hanno consentito di identificare il presunto autore dell’assalto all’ufficio di via Paisiello. Campo intorno alle 14 di ieri è stato rintracciato nella  sua abitazione e nel corso di una perquisizione domiciliare gli investigatori  hanno anche sequestrato alcuni indumenti presumibilmente indossati  durante la rapina. Il giovane è stato condotto nel carcere di largo Magli. Intorno a mezzogiorno di martedì scorso si sono vissuti attimi di paura nella filiale del borgo antico, quando ha fatto irruzione il malvivente con il volto coperto e pistola in pugno. Ha intimato all’addetto allo sportello di consegnare i soldi che erano in  cassa.

Dopo aver colpito il malcapitato con il calcio della pistola ha arraffato un bottino di poco meno di 400 euro ed è fuggito. Nel giro di 72 ore i poliziotti della Squadra Mobile hanno incastrato il presunto autore del colpo.

L’ufficio postale di via Paisiello  era finito nel mirino dei rapinatori già due mesi prima.  Due malviventi con il volto coperto e uno dei quali armato di pistola giocattolo dopo aver minacciato gli impiegati dell’agenzia ed essersi impossessati della somma contante di 500 euro, sono fuggiti  a piedi per le vie del borgo antico.

Sul posto erano intervenuti i militari dell’Arma i quali durante un sopralluogo avevano  rinvenuto la pistola giocattolo utilizzata dai malfattori.