x

x

Città vecchia tra crolli e vandali

La Città vecchia sta cadendo a pezzi ed è spesso in balia dei vandali.  L’allarme è rilanciato da un lettore di Taranto BuonaSera che si dice molto preoccupato per ciò che accade nel borgo antico.

“In questi giorni non si fa che parlare della rigenerazione del borgo antico per i tarantini di una certa età – sottolinea il nostro lettore – ma non so se tutti conoscano le vere condizioni di Taranto Vecchia: la maggior parte degli edifici ridotta a ruderi con i tetti crollati e le mura pericolanti. Sembra una citta bombardata (provate a vederla dall’alto!) I pochi edifici restaurati scompaiono alla vista di tanto sfacelo e quei pochi residenti che combattono la battaglia della sopravvivenza sembrano dei superstiti”. 

Purtroppo il rischio crolli in città vecchia è  una emergenza senza fine. Quello degli edifici fatiscenti è un problema che si ripresenta ciclicamente mettendo in pericolo le famiglie che vi abitano.

Un drammatico déjà vu. Ogni volta ci si limita a togliere i detriti e a transennare la zona. Da anni il borgo antico avrebbe bisogno di opere di ristrutturazione e di consolidamento, e da anni non accade nulla di buono. I cedimenti continui sono la dimostrazione del degrado in cui versa l’Isola. All’improvviso si sgretola e viene giù ciò che resta delle vecchie costruzioni tenute in piedi da tubi d’acciaio posti anni fa. Diverse le segnalazioni dei residenti preoccupati per lo stato di degrado in cui versano le costruzioni e soprattutto per l’incolumità  dei bimbi che, nonostante tutto, giocano in quelle aree”. Il lettore segnala poi un altro serio problema che è legato agli atti di vandalismo.

“Il Borgo è invaso da una miriade di motorette – dice- e nonostante tale sfascio un piccolo manipolo di illusi (tra cui il sottoscritto) ha deciso di mettere in sicurezza un palazzo degli avi. Dall’inizio abbiamo scoperto che la città vecchia è terra di nessuno dove scorazzano teppisti di ogni risma che oltre a fare i loro comodi depredano, distruggono, comportandosi come Attila. Nella messa in sicurezza ne abbiamo passato di tutti i colori – sottolinea -, abbiamo subìto incendi e furti di ogni genere. Tutta la città viene passata al setaccio da questi signori che depredando qualsiasi cosa che possa essere utile. Abbiamo fatto le dovute denunce ma nessuno si è mosso. Questa è la rigenerazione che viene proclamata da tutti ma nessuno si muove”.