x

x

Morti bianche, “Taranto non dimentica”

“Sono particolarmente felice perché quest’anno la Giornata della Memoria per il ricordo delle vittime sul lavoro di Taranto ha ricevuto il patrocinio del Presidente della Camera, e quello della presidenza del Consiglio”: lo annuncia Cosimo Semeraro, presidente del “Comitato 12 Giugno dei familiari delle vittime sul lavoro” che organizza la manifestazione di oggi.

Il programma è iniziato alle 8.30 con la deposizione di una corona in piazza dei Caduti del Lavoro (ex piazza Masaccio) al quartiere Tamburi di Taranto, per poi proseguire alle 10.30 con la celebrazione della Santa Messa officiata dall’Arcivescovo Metropolita di Taranto, monsignor Filippo Santoro, nella chiesa del Cimitero di San Brunone, luogo simbolo in quanto vi hanno trovato estrema dimora tanti morti sul luogo di lavoro tarantini.

Al termine della funzione il corteo alla stele dedicata ai caduti di tutte le categorie del lavoro, monumento ubicato nello stesso cimitero, dove le rappresentanze delle diverse associazioni e Istituzioni partecipanti, tra quest’ultime anche una dell’Aeronautica Militare, hanno letto le loro preghiere per i defunti caduti nella loro attività lavorativa.

A mezzogiorno sulla stele  la deposizione di una corona benedetta dall’Arcivescovo: in quell’istante il suono in memoria e in onore delle “morti bianche”, le campane delle chiese della diocesi di Taranto, così come disposto con una circolare dallo stesso Santoro; a quell’ora anche anche la sirena dell’Arsenale Militare e, grazie alla collaborazione della Capitaneria di Porto, anche le sirene delle navi in rada o in porto.