x

x

Doping, i tarantini interrogati dal giudice

Doping nelle palestre: martedì prossimo dal gip in sei tarantini arrestati.

Intanto ieri sono stati interrogati a Brindisi i primi quattro tra titolari di palestre, commercianti di integratori alimentari e body builder finiti agli arresti domiciliari nel blitz “Belzebù”. Martedì a Taranto per rogatoria saranno ascoltati Walter Cascarano 34enne di Manduria, Gennaro Botrugno 41enne di Faggiano, Valentino Antonio Brescia 41enne di Manduria, Paolo De Vizzi 40enne di Manduria, Antonio Marangi, 28enne di Pulsano e Giosuè Caracciolo 35enne di Taranto. Il collegio di difesa è composto dagli avvocati Franz Pesare, Fabio Fantastico, Massimiliano Scavo, Lorenzo Bullo e Cosimo Micera. 

I farmaci dopanti sarebbero stati acquistati anche sui siti internet e in alcuni casi con false ricette mediche per le quali bastava pagare il ticket di un  euro ma che al servizio sanitario e costavano ben 1000 euro ciascuna. Il gruppo avrebbe spacciato farmaci anabolizzanti per accrescere la massa muscolare e accelerare il metabolismo con grave danno per la salute.

Sono farmaci  particolarmente pericolosi. Si tratta di ormoni della crescita, utilizzati nella cura del nanismo,  di ormoni steroidei, generalmente prodotto dagli organi sessuali maschili e perfino di farmaci veterinari, utilizzati  per aumentare la massa muscolare dei cavalli. L’operazione è stata condotta dai carabinieri del Nas di Taranto coordinati dal pm Milto Stefano De Nozza della procura di Brindisi.

A far scattare le indagini nel 2011, poi proseguite fino al 2013, i malori accusati da alcuni body builders ricoverati per collassi e infarti causati proprio dall’assunzione dei micidiali anabolizzanti. Nel blitz scattato nei giorni scorsi dieci arresti, 65 indagati apiede libero e raffica di sequestri e perquisizioni. L’operazione condotta dai Nas di Taranto e coordinata dalla Procura brindisina ha portato alla luce un giro di anabolizzanti utilizzate  nelle palestre del Brindisino e del Tarantino.

Tra gli arrestati Paolo De Vizzi, 40enne di Manduria,  noto alle cronache per aver centrato il record di permanenza in immersione. Nei giorni scorsi era stata diffusa la notizia che De Vizzi avrebbe tentato di migliorare ancora una volta il record mondiale di permanenza subacquea in immersione che è fissato in 50 ore.