x

x

Botti di Capodanno, c’è il maxi sequestro

I botti sequestrati e gli artificieri della Polizia di Stato

Sequestrati in un locale circa due quintali e mezzo di botti: un trentaduenne incensurato è stato denunciato dalla Polizia di Stato. In pieno centro città, sul lungomare Vittorio Emanuele, un insospettabile giovane tarantino aveva avviato une commercio di fuochi d’artificio la cui vendita è consentita solo alle rivendite autorizzate. A scoprire l’illecito traffico gli agenti della sezione “Falchi” della Squadra Mobile, particolarmente impegnati in questo periodo di fine d’anno al contrasto di questo illegale commercio. Nei giorni di appostamento precedenti all’operazione, i poliziotti in borghese della sezione “Falchi” hanno registrato i movimenti del giovane, notando che spesso usci va di casa con un cartone tra le mani e, dopo averlo poggiato nel portabagagli della sua auto, ripartiva in tutta fretta.

Mercoledì mattina, dopo aver notato l’ennesimo identico movimento, i Falchi hanno deciso di intervenire con un’accurata perquisizione nell’appartamento dal quale era stato visto uscire il trentaduenne, sito al primo piano dello stabile messo sotto osservazione. Al momento dell’irruzione, nell’abitazione erano presenti la compagna e la suocera del sospettato il quale, dopo pochi minuti avvisato telefonicamente, si è presentato sul posto. Su indicazione del giovane, peraltro molto collaborativo, i poliziotti hanno proceduto al controllo di un locale attiguo alla abitazione, recuperando circa due quintali e mezzo di fuochi d’artificio di genere vietato. L’intervento del Nucleo Artificieri della Polizia di Stato ha consentito di cinturare la zona e di recuperare tutto il materiale per il trasporto in sicurezza. Gli artifizi pirotecnici, catalogati ed inventariati, sono stati così sottoposti a sequestro penale e, su disposizione dell’autorità giudiziaria verranno distrutti a cura del personale specializzato del Nucleo Artificieri. Il giovane, accompagnato negli uffici della Questura di via Palatuicco è stato denunciato in stato di libertà per commercio illegale di materiale esplodente di genere vietato.