x

x

S. Francesco di Paola, festa per il Santo della gente di mare

I tarantini, gente di mare. E’ pronto il programma dei festeggiamenti in onore del compatrono della città, San Francesco di Paola.

Dal 3 al 6 luglio, ecco tutti gli appuntamenti che si susseguiranno nella chiesa di via Regina Elena. Domenica il clou dei festeggiamenti, con la processione per le vie del centro e il caratteristico spettacolo di fuochi d’artificio dagli spalti del castello Aragonese.

Domani, giovedì 3 luglio è la “Giornata dedicata alla Santità dell’ordine dei Minimi”. Alle 18 ci sarà l’esposizione alla venerazione della sacra reliquia del bastone di San Francesco, custodita nel Coro del convento dei frati minimi di Taranto. Alle 18,15 il Rosario e, alle 19, la Messa celebrata da padre Vincenzo Arzente della comunità dei Minimi di Lamezia Terme e predicatore del Triduo. Alle 21 Adorazione Eucaristica “In preghiera con San Francesco”.

Venerdì 4 luglio è la “Giornata della gente di mare” e, per l’occasione, alle 10,30 c’è la concelebrazione presieduta da monsignor Renato Pizzigallo, cappellano della Marina militare con i cappellani militari e la partecipazione di rappresentanze di ufficiali, sottufficiali e marinai, autorità civili e militari, l’associazione nazionale Marinai d’Italia, l’istituto Nastro Azzurro, l’associazione mauriziana Nastro Verde e l’Unione italiana ufficiali in congedo d’Italia. Alle 18,15 Rosario e Vespri.

Alla 19 la Santa Messa presieduta da padre Vincenzo Arzente per la Marineria di Taranto, la benedizione della targa del protettorato del Mare che verrà assegnata all’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Taranto e al contrammiraglio Edoardo Faggioni, presidente onorario dell’Anmi di Taranto. Sabato, vigilia della festa, durante la Messa delle 10,30 il sacramento dell’unzione degli infermi quindi, alle 18,15, il Rosario e i Vespri e, alle 19, la messa presieduta da p. Arzente.

Domenica 6 luglio, festa del Santo, alle 10,30, c’è la solenne concelebrazione presieduta dal vescovo mons Filippo Santoro.
Alle 18 a celebrare la messa vespertina sarà padre Aldo Imbrogno, parroco e superiore della comunità dei Minimi di Taranto per i benefattori della parrocchia. La processione con il simulacro del Santo inizia alle 19 e percorrerà via Regina Elena, via Di Palma, piazza Maria Immacolata, via D’Aquino dove, all’altezza della chiesa del Carmine, sarà effettuata una breve sosta per l’omaggio al Santo da parte della comunità parrocchiale e dell’arciconfraternita del Carmine. La processione riprende per via D’Aquino per arrivare su corso Due Mari dove, davanti al Monumento al Marinaio, ci sarà una sosta per la preghiera della gente di mare al suo Santo Patrono, la preghiera del marinaio e la benedizione al mare e alla città.

Un momento suggestivo sarà quello del lancio in mare della corona di alloro dalla banchina del castello Aragonese in onore dei Caduti del Mare da parte dei soci dell’associazione nazionale Marinai d’Italia. Durante la cerimonia presterà servizio la fanfara dipartimentale della Marina. Al termine spettacolo pirotecnico dagli spalti del castello Aragonese. Quindi la processione potrà proseguire per il lungomare e via Anfiteatro: al rientro in chiesa la preghiera di ringraziamento concluderà i festeggiamenti.
Il servizio musicale è della Grande orchestra di fiati Santa Cecilia di Taranto diretta dal maestro Giuseppe Gregucci.
Alle famiglie che abitano lungo il percorso della processione viene esteso l’invito ad “illuminare e addobbare i balconi”.