x

x

I soci del Taranto calcio ascoltati dalla Digos

Minacce più o meno velate, ai limiti dell’aggressione fisica. Pesanti intimidazioni, ora giunte anche all’attenzione della Digos, che con la massima discrezione e accuratezza possibile ha puntato le proprie attenzioni sulla vicenda societaria che sta caratterizzando questa fase, travagliata, della vita del Taranto Football Club 1927, la squadra di calcio del capoluogo ionico confinata in serie D.

Una vicenda che rischia una coda velenosissima, per una città che ha sempre amato il ‘suo’ pallone ed una tifoseria, assolutamente corretta, che sta vivendo con ansia ed inquietudine l’ennesima transizione societaria.

E’ in questo contesto (ne parliamo dettagliatamente a pagina 21) che si inseriscono altri veleni, con alcuni dei soci minori del Taranto Fc che sarebbero stati avvicinati e invitati, in maniera decisamente brusca, a favorire un ricambio societario senza porre condizioni.
I destinari di questo tipo di richieste hanno raccontato quando accaduto in Questura, dove sono state esposte le proprie preoccupazioni anche su quanto si è letto e scritto sui social network, spesso valvola di sfogo che si ritiene terra di nessuno. Il tutto come detto è all’attenzione della Digos. Che immediatamente ha fatto partire le verifiche del caso. Un altro capitolo della storia del nostro calcio, troppo spesso amara.