x

x

Il Pm: condannate Fabio Riva a cinque anni per truffa

Cinque anni e 4 mesi di carcere e la confisca, in solido con altri imputati, di oltre 91 milioni di euro. E’ la richiesta di condanna formulata dal pm di Milano Stefano Civardi nei confronti di Fabio Riva, figlio dell’ex patron del gruppo dell’Ilva di Taranto, Emilio Riva, morto nei mesi scorsi. Nel processo che vede al centro una presunta truffa allo Stato da 100 milioni di euro il pm ha chiesto altre tre condanne, tra cui quella per la holding Riva Fire (con una sanzione pecuniaria da oltre 2 milioni di euro).

Lo stesso pubblico ministero ha chiesto la confisca di oltre 91 milioni di euro, già sequestrati a Fabio Riva, Agostino Alberti (dirigente di Ilva Sa) e Alfredo Lo Monaco (della società svizzera Eurofintrade Sa) e alla società Riva Fire, attraverso la quale la famiglia Riva controlla l’Ilva di Taranto, nell’ambito di un procedimento su una presunta truffa ai danni dello Stato per ottenere finanziamenti pubblici destinati a favorire l’export. Al termine della requisitoria, il pm ha chiesto la condanna della società Riva Fire, imputata per la legge 231/2001, al pagamento di una sanzione pecuniaria di 2,25 milioni.