x

x

L’agricoltura riparte dai giovani. I nuovi vertici

Gerardo Giovinazzi passa la mano, Luca Lazzàro è nuovo presidente.

L’assemblea dei soci di Confagricoltura Taranto, dopo un intenso decennio, ieri pomeriggio ha chiuso una fase importante. La nuova giunta è formata da Luca Lazzàro (presidente), Lucia Cavallo (vicepresidente),  Francesco Basile (presidente onorario), Gerardo Giovinazzi, Lello Tamburrino, Giovanni Cantore, Teodoro Ripa, Angelo De Filippis e Cosimo Cavallo.

A loro il compito di affrontare le nuove sfide e i vecchi problemi del mondo agricolo. Il presidente uscente Gerardo Giovinazzi ha ricordato i frutti di “una bellissima esperienza ricca di grandi risultati che hanno portato Confagricoltura ad essere la prima associazione datoriale a Taranto e provincia”.

Quindi un excursus delle battaglie: dalla “più importante”, quella sull’abbattimento del costo contributivo per le aziende agricole al durissimo lo scontro sui Consorzi di bonifica e sul Parco delle Gravine passando dalla costituzione come parte civile nel processo all’Ilva per i danni da inquinamento. Materia scottante su cui Luca Lazzàro (32 anni, laurea in Giurisprudenza e dottorato in Diritto tributario, impegnato nella conduzione di una storica azienda agricola nell’agro di Crispiano) e il suo nuovo vicepresidente, Lucia Cavallo, sono pronti a dare battaglia per il triennio 2014-2017. Nella sua relazione, infatti, il neoeletto Lazzàro ha ribadito “riteniamo di essere noi le prime vittime di questo sistema che ha distrutto il territorio”. Il consigliere regionale di Fi Arnaldo Sala saluta “con vivo compiacimento” l’elezione di Luca Lazzaro come “segno tangibile della capacità di rinnovamento dell’associazione datoriale tarantina”.