Vendola: “Con questo decreto Ilva abbiamo perso altri due anni”

“Ho l’impressione che questo ennesimo decreto certifichi soltanto la paralisi operativa degli strumenti tecnici elaborati dai vari governi. Come si vede, nessuno degli enormi problemi della fabbrica è stato affrontato ed è in via di soluzione. E’ una preoccupazione che ho avuto già modo di esprimere in molte occasioni. Purtroppo, spesso in solitudine. Il rischio è che restino ancora intatti e senza soluzione, i problemi decennali dell’inquinamento ambientale e quelli legati al destino di ventimila posti di lavoro”.

Così il Presidente della regione Puglia Nichi Vendola ha commentato il decreto sull’Ilva approvato dal Governo Renzi. 

“Ogni Governo – ha aggiunto Vendola – sforna decreti come fossero pozioni magiche in grado di risolvere i nodi del più grande siderurgico d’Europa. E’ come se l’emergenza togliesse spazio alla opportuna, necessaria riflessione politica. E così quest’ultimo decreto rivela che siamo tornati alla casella di partenza. Abbiamo perso due anni e abbiamo un Piano ambientale sulla carta largamente da cantierizzare ed i cui termini vengono, di provvedimento in provvedimento, progressivamente rinviati”.

“Se è vero come si dice che l’Ilva è un sito strategico di interesse nazionale – ha sottolineato il Presidente della Regione Puglia – è giunto il momento di chiederci se non si debba prevedere un intervento della Cassa Depositi e Prestiti per finanziare, con un prestito oneroso, quel Piano Ambientale che corre il rischio di rimanere ancora al palo perchè privo di fondi. Gli unici veri argomenti che potrebbero aiutare il Paese a condividere un approccio costruttivo nei confronti del destino della grande fabbrica sono questi: quale futuro per la siderurgia nazionale e come trovare il punto di equilibrio tra i principi costituzionali di produzione, salute, ambiente e lavoro. Questi temi sono completamente assenti dal dibattito pubblico ed istituzionale con il risultato che sia Taranto che tutti gli altri territori interessati dalle grandi produzioni industriali, restano senza una risposta netta e perdono ogni giorno fiducia nei confronti di tutte le istituzioni di governo. Ci sono molte domande – ha concluso Vendola – che inducono a chiedere al governo di convocare un tavolo che, con un chiaro indirizzo politico, affronti il problema con la necessaria e profonda riflessione tecnico-giuridica”.

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]

Verso il voto. Scrutatori nominati, è polemica

«Il forte rischio è che la nomina degli scrutatori possa rappresentare un possibile voto di scambio». Lo afferma Alfredo Venturini, coordinatore della lista Taranto Mediterranea, in riferimento alla nomina degli scrutatori per la composizione dei seggi per le elezioni comunali del 12 giugno. «Abbiamo appreso che il Commissario straordinario Prefetto dott. Vincenzo Cardellicchio al Comune […]