x

x

In Puglia crescono le imprese artigiane

La Camera di Commercio di Taranto

Tornano a crescere le imprese artigiane italiane. Tra gennaio e settembre 2021 il bilancio tra iscrizioni e cessazioni di attività del comparto è promettente, riportando in terreno positivo il saldo dopo un lungo periodo di contrazione e poi di lento recupero. È quanto emerge dall’analisi Movimprese, condotta da Unioncamere e InfoCamere, sui dati del Registro delle Imprese delle Camere di commercio. Alla base dell’ampliamento della platea artigiana ci sono la forte ripresa del settore delle costruzioni e la dinamicità dei servizi di supporto alle imprese. Non tutti i settori, però, sembrano aver risentito degli effetti della ripresa economica oggi in atto.

Riduzioni consistenti in valore assoluto si registrano nel trasporto e magazzinaggio e, soprattutto, nelle attività manifatturiere. Il dato nazionale viene confermato anche a livello regionale e territoriale. In Puglia su 67.588 nuove imprese registrate al 30 settembre 2021 si registrano 3.075 iscrizioni e 2.573. Il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese artigiane è dunque positivo: pari a +502 (+8.698 in Italia) e il suo conseguente tasso di crescita è pari a +0,75% ( +0,67% in Italia). Un lieve miglioramento per il comparto dell’artigianato si registra anche in provincia di Taranto: 7.459 imprese registrate (57 in più rispetto al 2020) di cui 7.428 quelle attive (60 in più rispetto all’anno precedente). Si registra un sensibile aumento delle iscrizioni (nel 2021 sono 88 mentre 80 nel 2020) mentre il numero delle cessazioni resta lo stesso (59).

Il saldo tra iscrizioni e cessazioni è dunque pari a +28. «Analizzando i dati relativi alla natalità e mortalità delle imprese, sembra che il tessuto imprenditoriale si stia lentamente riprendendo da un profondo periodo di crisi legato all’emergenza sanitaria. – commenta il coordinatore regionale di Casartigiani Stefano Castronuovo- Il fatto che l’artigianato pugliese stia crescendo, anche se molto timidamente, certamente è positivo. Siamo però lontani da una piena e più sicura stabilità e siamo convinti che si possa fare di più per il rilancio del tessuto imprenditoriale locale. La politica, ed in particolare la Regione Puglia, è chiamata a svolgere il proprio ruolo con responsabilità e attenzione, offrendo alle imprese gli strumenti migliori per crescere e consolidarsi nel tempo. Ci auguriamo quindi – conclude Castronuovo- che vengano intensificate le azioni a favore delle imprese artigiane e che riprenda il confronto su quei progetti fermi ormai da troppi anni».