x

x

Il Questore di Taranto: «Episodio isolato, città sotto controllo»

Il peggio è passato. I due poliziotti bersaglio dei colpi sparati con determinazione omicida da Leo Varallo, ex guardia giurata e buttafuori, stanno fortunatamente meglio e hanno già lasciato il Ss. Annunziata, dove erano stati trasportati sabato dopo la terribile aggressione subita. Un episodio che ha sconvolto la città per la sua inaudita efferatezza, ma che allo stesso tempo ha prodotto una ondata di solidarietà forse senza precedenti. «Sì – dichiara a TarantoBuonasera il questore Massimo Gambino – questo episodio ha sconvolto tutti, ma allo stesso tempo abbiamo registrato tante attestazioni di solidarietà, a partire dal Ministro degli Interni e dal Capo della Polizia. Ci sono state manifestazioni di stima e di vicinanza alla Polizia da parte di cittadini e istituzioni: sono segnali importanti».

Si è trattato di una aggressione a colpi d’arma da fuoco davvero sconcertante. A distanza di qualche giorno e a mente più serena, si è riusciti a ricostruire la dinamica di quanto accaduto?
Ci sono aspetti sui quali la Squadra Mobile sta lavorando per comprendere meglio il quadro complessivo della situazione. Di certo c’è stato un soggetto che ha deliberatamente esploso dei colpi di pistola contro due nostri poliziotti, facendo uso di un’arma che non aveva la matricola abrasa.

Possiamo considerare quanto accaduto un episodio isolato o dobbiamo ricondur lo a dinamiche più ampie?
Per quel che ci consta si è trattato di un episodio isolato che poteva capitare ovunque, quindi non ascrivibile a situazioni più complesse.

La riposta della Polizia è stata immediata, è inevitabile però che tra i cittadini si sia diffuso il timore che questa non sia una città sicura.
Guardi, proprio l’episodio di sabato è sintomatico della capacità di controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine. La nostra pattuglia era lì perché aveva ricevuto una segnalazione e aveva prontamente individuato la persona che era stata segnalata. Così come i Falchi sono prontamente intervenuti dopo la sparatoria catturando il responsabile. A Taranto è assicurato il controllo del territorio da parte di tutte le forze di polizia. Ovviamente ognuno preferirebbe avere un poliziotto sotto casa, ma il nostro impegno è massimo.

Possiamo quindi rassicurare i cittadini sulla capacità delle istituzioni di tenere sotto controllo la criminalità, a prescindere dall’epiosido di sabato?
Proprio negli ultimi giorni sono stati eseguiti diversi arresti, perquisizioni e controlli, grazie all’attività a trecentosessanta gradi delle forze dell’ordine. Dai controlli alle sale giochi alla verifica della regolarità dei B&B: sono tutte azioni volte al contrasto della illegalità. Insomma, il controllo del territorio c’è, ci sono situazioni attenzionate dalle attività investigative e poi ci sono episodi imponderabili, come quello di sabato, che, ripeto, sarebbe potuto accadere ovunque.

Il responsabile della sparatoria sarebbe risultato positivo ai test antidroga. Questo apre una riflessione sulla diffusione degli stupefacenti in una città, come Taranto, che è una piazza di spaccio piuttosto rilevante. Cosa si può fare per arginare questo fenomeno?
L’azione di contrasto ha certamente la sua funzione, ma sulla droga bisogna svolgere una attività più profonda e capillare. D’intesa con la Procura della Repubblica e con la Procura per i minorenni svolgiamo numerosi incontri nelle scuole per informare i ragazzi sui rischi che comporta l’uso di queste sostanze e per tentare in questo modo di riportare sulla retta via chi usa droghe e alcolici. La pandemia purtroppo non ci ha aiutato in questo lavoro, perché è mancato il contatto diretto con i ragazzi.

Torniamo ai due poliziotti: pericolo scampato e già dimessi dall’ospedale.
Sì, stanno meglio e il morale è già alto..

Enzo Ferrari
Direttore responsabile

Nomina scrutatori, c’è l’esposto al prefetto

C’è un esposto al prefetto sul caso degli scrutatori nominati per le elezioni comunali del 12 giugno. A presentarlo è statao Alfredo Venturini, coordinatore della lista Taranto Mediterranea, che fa parte della coalizione a sostegno della candidatura a sindaco di Rinaldo Melucci. Tutto ruota intorno alla designazione degli scrutatori fatta da consiglieri comunali rimasti in […]

Il sondaggio: Melucci vincerebbe al primo turno

Il candidato sindaco Rinaldo Melucci vincerebbe al primo turno con un ampio margine di vantaggio rispetto agli avversari. È quanto emerge da un sondaggio realizzato da “Winpoll” per “scenaripolitici.com” sulle intenzioni di voto dei tarantini in vista delle elezioni amministrative in programma il prossimo 12 giugno. Quattro i candidati sindaco in campo: il primo cittadino […]

Coronavirus, dati stabili in Puglia. Si svuotano le terapie intensive: solo 12 ricoverati

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.306 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.609 casi positivi, così suddivisi: 540 in provincia di Bari, 86 nella provincia BAT, 124 in provincia di Brindisi, 252 in provincia di Foggia, 341 in provincia di Lecce, 242 in provincia di Taranto, 15 […]

«Così più sicurezza nei campi»

Si è tenuto ieri mattina, presso la Masseria Sacramento di Palagianello, il convegno “Informo per coltivare la salute e la sicurezza in agricoltura”, organizzato da Asl Taranto e dalla Direzione Regionale pugliese Inail, con la partecipazione attiva delle organizzazioni datoriali e sindacali. Numerosi gli imprenditori del settore e i tecnici della sicurezza presenti per il […]