x

x

Furti e droga, scattano 6 arresti. Trenta persone denunciate

Carabinieri in azione contro la criminalità.

Sei arresti e 30 denunce a piede libero, sono il risultato delle attività di controllo svolte negli ultimi giorni dai militari della Compagnia di Taranto.

Gli uomini dell’Arma, nell’ambito di servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal comando provinciale e che hanno interessato in particolare il capoluogo jonico, e le località balneari limitrofe, hanno – in esecuzione di ordini di carcerazione – tratto in arresto, come detto, sei persone, di cui quattro in carcere.

Si tratta di un 55enne tarantino, che deve espiare 4 anni per reati contro il patrimonio; un 37enne tarantino, condannato a 3 anni e 5 mesi, anch’egli per reati contro il patrimonio; un 32enne tarantino, 3 mesi per evasione; un 20enne brindisino, 4 mesi per resistenza a pubblico ufficiale.

Inoltre, i militari hanno arrestato e sottoposto alla detenzione domiciliare presso le rispettive abitazioni un 48enne tarantino, 3 mesi di reclusione per violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale; una 64enne tarantina, 8 mesi per furto.

Sono state denunciate 30 persone di cui una per violazione degli obblighi derivanti dalla sorveglianza speciale, una per violazione degli obblighi derivanti il foglio di via obbligatorio, otto per furto aggravato, tre per evasione, tre per violazione colposa dei doveri inerenti la custodia delle cose sottoposte a sequestro, tre per truffa, una per reati contro il patrimonio, due per guida senza patente, una per guida in stato di ebrezza alcoolica, una per minaccia, due per inosservanza di provvedimenti emessi dall’autorità giudiziaria, una per reati contro il patrimonio, una per ingiuria e due per pesca di frodo.

Nel corso della stessa operazione, 17 persone sono state segnalate alla Prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti.

Sequestrati, complessivamente, 5 grammi di cocaina e 14 di hashish, due flaconi di metadone ed alcune compressi di suboxone, che saranno inviati al laboratorio analisi sostanza stupefacenti del comando provinciale per gli opportuni accertamenti tecnici.