x

x

“Rubata la bandiera rossa dei Comunisti italiani di Martina Franca”

Nella notte alcune persone hanno rubato la bandiera rossa dei Comunisti Italiani di Martina Franca custodita presso la sezione "Antonio Gramsci", dopo averne danneggiato il supporto.

La denuncia è stata presentata dal segretario cittadino del Partito dei Comunisti Italiani Franco Massafra che ha sottolineato come «La bandiera, listata a lutto, era lì da qualche settimana in segno di solidarietà al Popolo Palestinese, vittima dell’arroganza e prepotenza di Israele. Tale atto rappresenta non solo uno sfregio ai Comunisti martinesi, ma è un chiaro segno di inciviltà e di arroganza politica nei confronti della libertà di pensiero sancita dalla Costituzione Repubblicana, disonorando l’intera città di Martina Franca».

«Quello di questa notte – aggiunge – non è il primo atto spregevole ai danni della Sezione Antonio Gramsci; già in passato si sono registrati episodi di natura vandalica, molto probabilmente compiuti da una mano armata da risentimento politico nei confronti di chi si schiera giornalmente dalla parte degli emarginati e degli indifesi, degli operai e dei disoccupati e lotta per l’affermazione dei diritti a favore di tutta la popolazione». 

«Una nuova bandiera – afferma Massafra – è già stata issata. Anche quando dovessero finire tutte le bandiere troveremo sempre un drappo rosso da esporre in segno di lotta e di libertà. Possono rubare le nostre bandiere, ma non i nostri ideali!».