Il Ministero della Cultura investe 2,75 milioni di euro per il restauro e risanamento conservativo del Castello Aragonese

Al via un ambizioso progetto di risanamento e restauro conservativo Il Ministero della Cultura investe 2,75 milioni di euro per il restauro e risanamento conservativo del Castello Aragonese di Taranto. L’intervento “Le stagioni di un Castello” rientra così tra i 38 Grandi Progetti Beni Culturaliprevisti sul territorio nazionale, varati dal Ministro della Cultura Dario Franceschini – e oggi approvati dalla Conferenza Unificata Stato Regioni – perché considerati determinanti per favorire la crescita economica e sociale dell’Italia. Un Piano complessivo del valore di circa 200 milioni di euro per la tutela, la riqualificazione, la valorizzazione, la promozione culturale e l’incremento dell’offerta turistico culturale.

“Il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale è uno degli assi fondamentali su cui si fonda la crescita economica e sociale del Paese. Questo intervento rientra tra i 38 progetti strategici che il ministero ha portato in Conferenza Stato Regioni a conferma della centralità della cultura nell’azione di politica economica del governo” così il ministro della Cultura, Dario Franceschini. Questo intervento si inserisce nel quadro di proficua collaborazione culturale tra Ministero e Marina Militare italiana, proprietaria del Castello. La fortezza è una delle più monumentali e antiche della costa italiana, curata e valorizzata dal Comando della Marina Militare di Taranto. L’intervento “Le stagioni di un Castello” si colloca in un più ampio disegno di scavo archeologico, consolidamento strutturale e restauro dell’antica fortezza volto alla conservazione e alla diffusione della conoscenza sul monumento. Il progetto, infatti, fa seguito ai precedenti lavori finalizzati alla tutela e alla fruibilità turistica dell’antico edificio storico, aperto al pubblico, risultato di un’interrotta stratificazione costruttiva che include i resti della sistemazione monumentale dell’ingresso all’acropoli della antica città di Taras.

In particolare, sono previsti lavori di restauro e risanamento conservativo finalizzati al riuso per funzioni e attività culturali, attraverso un progetto integrato di scavo stratigrafico, consolidamento strutturale e restauro dei resti antichi, insieme a interventi di valorizzazione funzionali alla fruizione dei resti archeologici portati alla luce come la cava di età arcaica, i resti murari di età ellenistica, bizantina, normanna e pre-aragonese e di ipogei funerari riutilizzati come insediamenti rupestri. Il progetto prevede, inoltre, l’allestimento di una sezione espositiva per i reperti archeologici rinvenuti in loco e un’attività di catalogazione informatizzata per renderli accessibili al pubblico in modalità open data e l’applicazione di tecnologie in realtà aumentata. “Le stagioni di un Castello”, così come tutti gli interventi della Programmazione strategica dei Grandi Progetti, è dunque destinato a diventare uno strumento di promozione dell’offerta culturale e turistica italiana e un veicolo di sviluppo economico sostenibile del territorio.

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]