x

x

I profughi ucraini gratis sugli autobus di Taranto

Un mezzo di Kyma Mobilità Amat

I profughi di guerra ucraini possono viaggiare gratuitamente sugli autobus di Kyma Mobilità Amat spostandosi liberamente in città. L’azienda, infatti, sta emettendo a loro favore abbonamenti di libera circolazione sugli autobus a titolo gratuito, validi nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno. Per ottenerli devono recarsi presso l’Ufficio vendite di Kyma Mobilità Amat, in via D’Aquino, presentando la documentazione che attesti il loro status di rifugiato di guerra: il permesso di soggiorno provvisorio con data successiva al 24 febbraio scorso e il passaporto ucraino, o, in alternativa, l’idonea attestazione rilasciata dalla Prefettura o dalla Questura di Taranto.

«Kyma Mobilità Amat – ha spiegato la presidente Giorgia Gira – ha così accolto la richiesta pervenutaci dall’Associazione di Volontariato “Verso Est” Onlus; riteniamo sia un modo concreto per manifestare la nostra solidarietà a queste persone che hanno dovuto lasciare il loro Paese, le case e gli affetti, una tragedia umanitaria di dimensioni bibliche che l’Europa non ricordava da decenni. Garantendo loro la mobilità, inoltre, Taranto dimostra di essere una città che pratica l’accoglienza e la resilienza».

«L’Associazione “Verso Est” Onlus – ha commentato il presidente Giuseppe Stasolla – è grata a Kyma Mobilità Amat per aver voluto accogliere la nostra richiesta: al di là dell’aspetto economico, assolutamente rilevante per dei profughi, come è fin troppo facile comprendere, per queste persone è importante sentirsi accolte e sostenute in un momento così delicato delle loro esistenze». Attiva sul territorio dal 2008 nell’accoglienza e nell’integrazione dei cittadini provenienti dai paesi dell’Europa orientale, in questi giorni l’Associazione “Verso Est” Onlus è impegnata nel supporto dei profughi provenienti dall’Ucraina; a loro favore, interi nuclei familiari e madri sole con i figli, i volontari dell’associazione stanno realizzando attività di mediazione culturale e linguistica, nonché assistenza per il disbrigo di pratiche sanitarie e scolastiche. Ricordiamo che da oggi, venerdì primo aprile, sugli autobus di Kyma Mobilità Amat i passeggeri non debbano più esibire il “Green pass”, mentre dovranno continuare a indossare le mascherine FFP2.

Allo stesso modo, inoltre, da venerdì 1° aprile per accedere all’Ufficio Vendite di Kyma Mobilità Amat, in via D’Aquino, gli utenti non dovranno esibire il “green pass”, ma dovranno comunque indossare una mascherina, almeno del tipo chirurgico. Cessato lo Stato d’emergenza sanitaria, si conclude anche l’impegno di Kyma Mobilità Amat, iniziato nel febbraio dello scorso anno, per facilitare il trasferimento dei cittadini verso gli hub vaccinali allestiti a Taranto. Inizialmente Kyma Mobilità Amat ha organizzato – prima in Italia – il Servizio Bus-Vax “porta-a-porta” a favore della popolazione over 80, accompagnando in autobus gli anziani dal loro domicilio agli hub, per poi riportarli a casa dopo la vaccinazione; questo servizio innovativo è stato garantito verso i presidi vaccinali allestiti presso la Svam, l’Istituto “Renato Moro”, la Facoltà di Medicina in Piazza Ebalia, il Palaricciardi e il Presidio Asl in Viale Magna Grecia.

Dall’agosto dell’anno scorso Kyma Mobilità Amat ha garantito anche il servizio di trasporto all’interno dell’Arsenale Militare a favore dei cittadini sprovvisti di automobile, trasferendoli dall’ingresso principale di via Di Palma fino all’hub vaccinale, distante centinaia di metri, e viceversa. In tredici mesi migliaia e migliaia di cittadini hanno potuto usufruire gratuitamente di questi servizi di trasporto organizzati da Kyma Mobilità Amat, di concerto con l’Amministrazione comunale, per contribuire alla lotta contro la pandemia.