Bando per le mense ospedaliere, ok alla mozione

Approvata martedì in Consiglio la mozione per migliorare il servizio mense ospedaliere. “Il Consiglio regionale ha compiuto un importante passo in avanti sulla questione della gara sulla ristorazione ospedaliera, ma ora dobbiamo dare seguito a quanto approvato in Aula a tutela dei lavoratori e della qualità del servizio”. Questo il commento del consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd) dopo l’approvazione della mozione di cui è primo firmatario, sostenuta dal Gruppo Pd e anche dall’opposizione ad esclusione della Lega che ha votato contro il documento.

“Il percorso che ha portato alla mozione – spiega Di Gregorio – è iniziato tre mesi fa. E’ stato un lavoro di discussione, approfondimento, confronto all’interno del mio partito, con le altre forze politiche, con i sindacati e con le organizzazioni di categoria. Abbiamo evidenziato delle criticità presenti nel bando e con la mozione cerchiamo di indicare possibili strade migliorative”. “La mozione – aggiunge Di Gregorio che è vicepresidente della Commissione Sanità – pone l’accento su quattro aspetti correlati tra loro su cui chiediamo l’intervento della Giunta e del presidente Emiliano che ha già condiviso le nostre osservazioni”. Nello specifico la mozione chiede di: intraprendere tutte le iniziative utili ad assicurare l’applicazione della clausola sociale, garantendo l’armonizzazione prevista dal capitolato d’appalto in questione; di rivolgere adeguata attenzione alla qualità dei pasti e del servizio offerto, nonché alla valorizzazione della filiera alimentare corta e al coinvolgimento delle imprese locali; di verificare la possibilità di assicurare una sede di assistenza istituzionale al confronto tra le parti per l’applicazione della clausola sociale, territorio per territorio e Asl per Asl, come ad esempio sta facendo la task force regionale per l’occupazione, affinché il confronto garantisca il ricollocamento e la tenuta salariale per tutti i lavoratori rivenienti dal precedente appalto; di intraprendere quindi tutte le iniziative volte alla verifica di un possibile percorso di internalizzazione del servizio e la conseguente stabilizzazione del personale addetto”.

“Ovviamente – conclude Di Gregorio – quello odierno è solo il primo passo di un’attività politica e amministrativa cui ora tutti insieme dobbiamo dare seguito per garantire la qualità del lavoro e la qualità del servizio ai degenti. In questo ambito più che mai, i due aspetti non possono essere separati ma vanno affrontati e risolti insieme”. Sull’argomento interviene anche Renato Perrini, consigliere regionale Fratelli d’Italia. “Il rischio che a rimanere digiuni, con le mense, saranno i lavoratori, è ancora molto alto. Lo avevamo detto in conferenza stampa e poi nella lettera che avevamo indirizzato al presidente Emiliano. Oggi il centrosinistra, in Consiglio regionale, chiede con estremo ritardo e fuori tempo le stesse cose chieste da Fratelli d’Italia. Per senso di responsabilità abbiamo votato anche noi la loro mozione, ma abbiamo proposto al centrosinistra di fare di più, chiedendo di votare un nostro emendamento migliorativo col quale chiedevamo di non essere ambigui ma credibili, votando la richiesta di immediato annullamento della gara, l’internalizzazione del servizio e la stabilizzazione dei lavoratori. Ovviamente il centrosinistra l’ha bocciato, coerentemente al loro metodo delle parole senza sostanza. Se Emiliano avesse dato ascolto a noi in conferenza stampa, avremmo ottenuto sicuramente un risultato utile ed in tempo. In questi mesi vigileremo sugli impegni presi dal Consiglio regionale e dall’assessore Palese”.

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]