x

x

Sfida del “Dire e Contraddire”​, i vincitori della fase eliminatoria

Sfida del “Dire e Contraddire”

Con il motto “memento audere semper” (ricordati di osare sempre, ndr), gli studenti del terzo anno del Polo Liceale Sylos Fiore di Terlizzi si sono imposti nella fase territoriale della II^ edizione nazionale del Torneo della Disputa “Dire e contraddire”. La sfida si è tenuta lunedì 11 aprile, nella Biblioteca Storica dell’Ordine degli Avvocati di Trani.

A contendere la vittoria ai ragazzi terlizzesi erano gli studenti del Liceo Scienze Umane Vittorino da Feltre e ITES Pitagora di Taranto che si sono affrontati sfidandosi sulla frase di Nelson Mandela “La mia più grande ambizione è che ogni bambino in Africa vada a scuola perché l’istruzione è la porta di ingresso alla libertà, alla democrazia e allo sviluppo”.

Il Torneo della disputa “Dire e Contraddire” nasce a Taranto nel 2017 a cura dell’Avv. Vincenzo Di Maggio (Consigliere nazionale – CNF) e dell’Avv. Angela Mazzia (Coordinatrice nazionale del Comitato Tecnico Scientifico del torneo 2022) e, il 22 luglio 2020, diviene oggetto del Protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale Forense ed il Ministero dell’Istruzione.

Con la presenza dell’Avv. Domenico Facchini (componente CTS e referente sud-Italia del torneo), a fare gli onori di casa è stato l’Avv. Giulio Guarino, referente territoriale del torneo per il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trani, unitamente alla omologa Avv. Imma Caricasulo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Taranto.

A colpi di argomentazioni e contro-argomentazioni sulla frase di N. Mandela, la Giuria territoriale presieduta dall’Avv. Giulio Farachi (Commissione CNF – Progetti educazione alla legalità, Foro di Lecce) e composta dall’Avv. Adriano De Franco. (Vice-Presidente COA-Taranto) e dall’Avv. Rino Mazzilli (Direttore Scuola Forense Trani), oltre ai membri supplenti gli Avv.ti Giuseppe Macri e Marina Marasciuolo, ha assegnato la vittoria di questa fase territoriale, come detto, agli studenti del Polo Liceale Sylos Fiore di Terlizzi.

Una gran bella esperienza di dialogo, confronto e dibattito serrato che ha esaltato le capacità di approfondimento e le doti oratorie di tutti gli studenti disputanti.